All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Irene Schweizer, Joey Baron: Live!

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Inciso a Zurigo a fine 2015, l'album riunisce due improvvisatori di scuole e generazioni diverse: Irene Schweizer, settantasei anni, svizzera di Sciaffusa, attraversa l'avanguardia europea praticamente fin dal suo primo affermarsi (se non affacciarsi), mentre Joey Baron, sessantaduenne di Richmond, quella stessa avanguardia (ovviamente dall'altra sponda dell'Atlantico) l'ha accompagnata, per così dire fiancheggiata, nel corso di una carriera ultratrentennale abbracciando però anche esperienze "altre." La prima volta che l'abbiamo ascoltato, per dirne una, era nel trio di Jim Hall, la seconda, pochi mesi dopo, nel quintetto ornettiano di Tim Berne (fra i suoi sodali più assidui) e John Zorn (e, per inciso, picchiava come un dannato, ciò che ovviamente con Hall non avrebbe mai osato fare).

Venendo al presente lavoro, assolutamente prezioso, vi convivono diverse anime, singolarmente (ma neanche poi troppo) evocate più dalla pianista (che determina maggiormente—ancorché fisiologicamente, diremmo—i tracciati del disco) che dal batterista, partendo da un dialogo fitto, quasi forsennato, liberissimo, nell'iniziale "Free for All" (che già il titolo...), lambendo territori tayloriani (non solo qui), per poi risalire e ridiscendere più volte (fra brano e brano, ma talora anche all'interno dello stesso) il grande fiume del jazz, fino allo stride, il boogie, ovviamente il blues. Senza dimenticare Monk (per esempio in "Jungle Beat II").

Dei sette brani, quattro si devono alla pianista e tre al batterista, sempre con un impeccabile senso (e conseguente controllo) della forma, dell'impaginazione, generando come detto atmosfere composite e come tali avvincenti, con rari momenti di stanca, e comunque almeno tre brani (il già citato "Free for the All," "Jungle Beat II" e "Saturdays," i primi due della Schweizer, l'ultimo di Baron) di notevole fattura. Colpisce in particolare la nitidezza che, anche nei frangenti più irsuti, non abbandona mai i due performer. Che arrivano alla fine ancora con bello smalto. E in fondo la voglia, in chi ascolta, di andare pure avanti (il disco supera del resto di poco i quaranta minuti, applausi compresi).

Track Listing: Free for All; Up the Ladder; String Fever; Jungle Beat II; Saturdays; Blues for Crelier; The Open Window.

Personnel: Irène Schweizer: piano; Joey Baron: drums.

Title: Live! | Year Released: 2017 | Record Label: Intakt Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Profiles
Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Read more articles
Live!

Live!

Intakt Records
2017

buy
Welcome Back

Welcome Back

Intakt Records
2016

buy
Welcome Back

Welcome Back

Intakt Records
2015

buy
Live in Zurich

Live in Zurich

Intakt Records
2014

buy
Live in Zurich

Live in Zurich

Intakt Records
2013

buy
Live In Zürich

Live In Zürich

Intakt Records
2013

buy

Related Articles

Read Down & Dirty Album Reviews
Down & Dirty
By Jack Bowers
July 21, 2019
Read Sublunary Minds Album Reviews
Sublunary Minds
By Troy Dostert
July 21, 2019
Read Peace Planet & Box of Light Album Reviews
Peace Planet & Box of Light
By Don Phipps
July 21, 2019
Read Hyperuranion Album Reviews
Hyperuranion
By Glenn Astarita
July 21, 2019
Read The Turning Album Reviews
The Turning
By Bruce Lindsay
July 20, 2019
Read Reveries and Revelations Album Reviews
Reveries and Revelations
By John Eyles
July 20, 2019
Read Live/Shapeshifter Album Reviews
Live/Shapeshifter
By Don Phipps
July 20, 2019