Liberty Ellman: Radiate

Stefano Merighi BY

Sign in to view read count
Liberty Ellman: Radiate
Ascoltando Radiate si coglie immediatamente la comunanza linguistica che stringe quel manipolo di musicisti abituati ad incidere per la PI, forse la migliore etichetta odierna di jazz contemporaneo.

Si percepiscono i medesimi studi giovanili, i medesimi sviluppi creativi, quella telepatia esecutiva che rende interessante una performance jazzistica. Anche quando la prima impressione è quella di una musica derivativa.

Sì perchè, assodato che Liberty Ellman è un signor musicista, chitarrista intelligente e compositore scaltro, non si può non pensare ad Henry Threadgill quando zampilla la prima scansione di tuba in "Supercell," la traccia di apertura dell'album. Un brano che poi si apre a meravigliosi intarsi di chitarra, tromba e sax alto, memori delle architetture di Zooid, gruppo in cui Ellman milita da oltre un decennio. Oppure all'arte di ritmiche combinatorie in cui è maestro Steve Coleman, la cui ombra si allunga in pezzi come "A Motive" o "Vibrograph."

Detto questo, si apprezza comunque una scrittura che tiene saggiamente in bilico un rigore strutturale evidente e un abbandono improvvisativo a volte sorvegliato altre invece appassionato.

Ciascuno apporta il suo ingegno, e le sortite solistiche di Jonathan Finlayson o Steve Lehman rimandano molto ai loro album personali (tutti targati PI...), sicchè il cerchio si chiude.

Le composizioni formano un arco espressivo coerente, alternando capitoli frementi ad altri più indeterminati, e si possono gustare in modi diversi. Ad esempio ammirandone la forza collettiva, quasi orchestrale; oppure, soffermandosi sui dettagli, che offrono delizie continue: contrappunti sfalsati e intermittenti, unisoni tematici o di accompagnamento tra tuba e chitarra o tra tuba e sax alto (a proposito, che agilità Jose Davila...) È musica piuttosto accessibile ma mai semplicistica, il materiale scritto è sempre sollecitato da un groove di fondo che coinvolge. Peccato per il finale un po' elettronico, non troppo brillante, di "Enigmatic Runner," ma anche così il talento di Liberty Ellman si conferma cristallino.

Track Listing

Supercell; Furthermore; Rhinocerisms; Moment Twice; A Motive; Skeletope; Vibrograph; Enigmatic Runner.

Personnel

Liberty Ellman: guitar; Steve Lehman: alto saxophone; Jonathan Finlayson: trumpet; Jose Davila: tuba, trombone; Stephan Crump: bass; Damion Reid: drums.

Album information

Title: Radiate | Year Released: 2015 | Record Label: Pi Recordings

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

In Our Time
Victor Gould
Someday, Something
Rebecca DuMaine
Lumina
Pedro Melo Alves
Human Rites Trio
Jason Kao Hwang
Re-Union
Matthew Shipp / William Parker
A New Dawn
Marius Neset
Graduation
Il Sogno

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.