Home » Articoli » Album Review » DST: Kinetic

2

DST: Kinetic

By

Sign in to view read count
DST: Kinetic
Il duo DST, nato dall'incontro di Alberto Collodel e Simone Di Benedetto, si era già messo in luce nel 2017, pubblicando Il Sistema Periodico, lavoro ispirato all'opera di Primo Levi, che scavava con atteggiamento riflessivo ed esplorativo nella suggestione della scienza chimica e nella narrazione del grande autore, tra ragione e memoria. Arriva ora al secondo lavoro discografico, Kinetic, sempre con la stessa etichetta Aut Records, e si allarga a trio ospitando il contributo di Gabriele Mitelli.

Il trombettista bresciano porta nel duo la propria vitalità e quella dose di audace creatività che egli ha saputo ben assorbire dalle sue passioni per il free storico e dalle frequentazioni di personaggi centrali nella scena contemporanea, come Rob Mazurek. Collodel e Di Benedetto, pur rivolgendosi nella loro musica in parte a quegli stessi modelli, li coniugano con un atteggiamento riflessivo, introverso, spesso vicino alla sperimentazione eurocentrica, con elementi di scandaglio più analitici, asciutti e attenti alle dinamiche cameristiche. Cosa evidente sia nell'esplorazione strumentale che nello sviluppo dei rapporti tra scrittura e improvvisazione.

La presenza di Mitelli non altera però la fisionomia del duo, che resta ben definita e fedele alle proprie origini, con brani dovuti ai titolari: ne arricchisce piuttosto gli orizzonti e le sfumature, si inserisce in modo intenso nella geografia di DST, portando il proprio contributo con naturalezza e spontaneità. La forte coesione dei tre spicca già nel brano di apertura del CD, "Phase Out," dove la dialettica tra l'approccio materico di Mitelli e quello più astratto di Collodel e di Benedetto dà vita a contrasti e fusioni convincenti.

La musica si dipana con sapienza narrativa, anche nella sequenza dei brani: "S," basato su una densa trama tessuta con l'archetto dal contrabbassista, si sviluppa in buona parte sul lavoro del clarinetto basso, dove Collodel mette in risalto l'ampia abilità del proprio eloquio, tra sussulti di registro, trilli e acrobazie melodiche. "Still" prende le mosse dalle manipolazioni elettroniche di Mitelli, per poi sfociare ancora in un episodio di grande empatia di gruppo.

Un proprio spazio nel disco si ritaglia "Struktur 1," brano scritto da Di Benedetto ma affidato in due versioni differenti rispettivamente a Mitelli e Collodel. I due musicisti, sovraincidendo più volte il proprio strumento, danno luogo a interpretazioni molto differenti nei dettagli e nella stratificazione timbrica, ma resta l'impressione di coerenza a un'idea di fondo del compositore, basata sul contrasto tra note lunghe e brevi, tra suono e rumore, tra uso tradizionale dello strumento e pratiche non canoniche. Momenti significativi sono rappresentati anche dal riflessivo "Landscape 3," affidato a clarinetto e contrabbasso, che si collega al "Landscape 1" dell'album Il Sistema Periodico, e da "Rota," dove la sintonia dei tre musicisti tocca momenti di forte intensità e ancora clarinetto basso e tromba mostrano muscolosi cimenti.

Track Listing

Phase Out; S; Still; Struktur 1 - Trumpet version; Landscape 3; Rota; Struktur 1 - Bass clarinet version; Lullaby for Barbin.

Personnel

Alberto Collodel
clarinet, bass
Simone Di Benedetto
bass, acoustic

Album information

Title: Kinetic | Year Released: 2019 | Record Label: Aut Records


< Previous
25 Years

Next >
Splatter

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Shadow
Lizz Wright
Caught In My Own Trap
Kirke Karja / Étienne Renard / Ludwig Wandinger
Horizon Scanners
Jim Baker / Steve Hunt / Jakob Heinemann

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.