All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Stephan Micus: Inland Sea

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
Stephan Micus: Inland Sea
Giunto al suo ventiduesimo titolo per la ECM (che ha pubblicato la quasi totalità della sua discografia), a due anni di distanza dal precedente Nomad Songs, il polistrumentista tedesco Stephan Micus prosegue a tappe regolari il suo viaggio attraverso una geografia musicale immaginaria ma concreta, espressione di una world music senza indicazione di tempo e di luogo. Per chi non ha ancora avuto la ventura di incontrare questo straordinario e unico musicista, diremo che i suoi lavori sfuggono a qualsiasi tentativo di catalogazione. Realizzati quasi sempre in solitudine, sovrapponendo su svariate tracce gli strumenti etnici appartenenti alla sua sterminata collezione, raccolta nel corso di tanti anni di viaggi e studio in tutto il mondo, tutti recano la particolare impronta di una musica veramente globale a forte matrice mistica e spirituale. Gli strumenti etnici sottratti alla loro cultura di origine vengono impiegati per la produzione dei suoni non più legati alla zona geografica di appartenenza. L'approccio di Micus non è quello rigoroso di un etnomusicologo, e anche la tecnica strumentale utilizzata è spesso tutt'altro che ortodossa, ricorrendo a qualunque mezzo a disposizione, percuotendo le corde, pizzicandole o strofinandole con l'archetto, per ottenere il suono desiderato. Ogni suo disco è una tappa di un lungo viaggio senza fine attraverso una geografia dello spirito, spesso incentrato su uno o più strumenti caratteristici da lui acquisiti più o meno recentemente.

Per questo nuovo Inland Sea, gli strumenti principali (che compaiono entrambi qui per la prima volta) sono balanzikom (sorta di liuto a 7 corde di nylon proveniente da una valle del Tajikistan) e nyckelharpa (strumento tradizionale svedese suonato con l'archetto, simile alla ghironda o hurdy-gurdy), già presenti insieme nel brano che apre il disco e in molti dei brani successivi in varie combinazioni anche con altri degli strumenti comunemente utilizzati da Micus come il flauto giapponese shakuhachi, vari tipi di cetra, e le chitarre acustiche, oltre alla voce che si appoggia a un linguaggio inventato.

Ancora una volta Micus ci invita ad accompagnarlo in un viaggio affascinante, alla scoperta di noi stessi e delle nostre radici più profonde attraverso i suoni. A noi non resta altro che lasciarci trasportare dalla sua musica, un'esperienza che chiunque dovrebbe fare almeno una volta.

Track Listing

Haze; Sowing Wind; Dawn; Flor del Sur; Reaping Storm; Dancing Clouds; Virgen de la Mar; For Shirin and Koshru; Dusk; Nuria.

Personnel

Stephan Micus: nyckelharpa, voice, shakuhachi, balanzikom, genbri, guitars, zithers.

Album information

Title: Inland Sea | Year Released: 2017 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

A Congregation of Folks
Daniele Germani
Push The Limits
Ben Patterson
Old Friends
Mark Winkler
Home at Last
Amit Friedman
Entendre
Nik Bärtsch
soundz offfe drzk wähuh
EUPHORIUM_freakestra
Hemingway
Johnny Gandelsman

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.