Home » Articoli » Alex Goodman: Impressions in Blue and Red

Album Review

Alex Goodman: Impressions in Blue and Red

By

Sign in to view read count
Alex Goodman: Impressions in Blue and Red
Con questo splendido doppio album, Alex Goodman esce dal limbo dei talentosi chitarristi emergenti per entrare a pieno titolo tra i solisti e compositori più interessanti del jazz contemporaneo. Era proprio ora. All'età di 34 anni, con sette dischi da leader e prestigiosi premi internazionali (tra cui la vittoria al Montreux International Jazz Guitar del 2014), il chitarrista e compositore canadese ottiene i meritati riconoscimenti della critica con un'opera particolarmente matura.

Un concept album che vuol associare sensazioni cromatiche ad altre musicali (il termine specifico è cromestesìa) che Goodman divide tra i colori blu e rosso. Nel CD "blu" il chitarrista è a capo di un quartetto con Ben van Gelder al sax contralto, Martin Nevin al contrabbasso e Jimmy Macbride alla batteria; in quello "rosso" guida un analogo organico comprendente Alex LoRe al contralto, Rick Rosato al contrabbasso e Mark Ferber alla batteria. Difficile valutare la corrispondenza tra musica e colori ma è evidente la comune impronta espressiva dei due album.

Chiari riferimenti estetici vengono dall'intransigente cool jazz di Lennie Tristano e Lee Konitz, dal West Coast sperimentale di Jimmy Giuffre e Jim Hall, dalle relazioni tra jazz e musica barocca di John Lewis. Gli studi di Goodman si sono orientati per lungo tempo sul versante classico -in particolare l'arte del contrappunto e della fuga -e questo traspare, creativamente trattato, in vari momenti del ricco percorso musicale.

Entrambi i CD sono caratterizzati da composizioni minuziosamente elaborate e dalla timbrica lieve senza scadere per questo in esercizi formali riecheggianti la Third Stream Music. Nei due quartetti la componente jazzistica è marcata ed anima le fantasiose improvvisazioni individuali, il dialogo collettivo, la viva tensione ritmica, i costanti mutamenti di clima. Si respira un fresco e articolato jazz contemporaneo, melodicamente attraente e spesso avvincente, che attualizza uno dei grandi filoni del jazz moderno. Alex Goodman è un chitarrista fantasioso e d'alta perizia tecnica, le cui influenze vanno ricercate in Jim Hall e Billy Bauer mentre i due eccellenti sax contralto risentono a grandi linee di Konitz e Giuffre.

Entrando nello specifico dei due dischi notiamo subito che otto composizioni sono introdotte da altrettanti interventi in solo di ogni partner mentre in coda il chitarrista presenta due splendide interpretazioni di "I'll Never Be The Same" e "If I Loved You." Gli altri brani non originali sono "Toys" di Herbie Hancock e la "Sonata n.12 Adagio" di Johann Rosenmüller. Il disco "blu" inizia con lo swingante e melodicamente articolato "No Man's Land" per proseguire con "Blue Shade," dove i richiami barocchi del tema trovano un appropriato sviluppo jazzistico nel serrato confronto chitarra/sax contralto. Il percorso continua con brani che sfruttano ancora forme contrappuntistiche su percorsi ritmicamente serrati ("Cobalt Blue") o si distendono in un clima astratto e timbricamente seducente ("Still Life"). Come abbiamo detto il disco "rosso" mantiene analoghe coordinate espressive con l'ovattata timbrica di Alex LoRe. Restano le suggestioni barocche (tra cui il citato brano di Rosenmüller), temi radiosi ("Like a Fire That Consumes All Before") e momenti jazzisticamente pregnanti, con nuovi smaglianti confronti chitarra/sax.

Album della settimana.

Track Listing

CD 1:
No Man's Land; Blue Shade (Intro); Blue Shade; Moods; Space Behind Eugene Boch (Intro); Space Behind Eugene Boch; Zen (Intro); Zen; Cobalt Blue; Still Life with Skull (Intro); Still Life with Skull.

CD 2:
I'll Never Be the Same; Choose; Circles in a Circle; Impending (Intro); Impending; In Heaven Everything Is Fine; Toys; Occam's Razor; Like a Fire That Consumes All Before It (Intro); Like a Fire That Consumes All Before It; E.T.; Sonata No. 12 Adagio (Intro); Sonata No. 12 Adagio; View in Perspective (Intro); View in Perspective; If I Loved You.

Personnel

Alex Goodman: guitar; Ben van Gelder: saxophone, alto; Martin Nevin: bass; Jimmy Macbride: drums; Alex LoRe: saxophone, alto; Rick Rosato: bass, acoustic; Mark Ferber: drums.

Album information

Title: Impressions in Blue and Red | Year Released: 2020 | Record Label: Outside in Music


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Discover
Eric Jacobson
Andromeda's Mystery
Doruzka/Wylezot/Ballard
Pictures in Time
Alex Sjobeck
Universos
Yotam Silberstein

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.