All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

1

Fonterossa Day #3 a Pisa

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Fonterossa Day #3
Pisa
Teatro Sant'Andrea
09.04.2017

È giunto alla terza edizione il Fonterossa Day, organizzato a Pisa presso il suggestivo Teatro S. Andrea attorno all'omonima etichetta indipendente, creazione di Silvia Bolognesi, che è poi anima anche di questo vivace e gioioso minifestival.

Come gli altri anni (leggi le recensioni della prima e della seconda edizione) l'evento si è svolto dalla metà del pomeriggio fino a notte, con una serie di eventi gratuiti e due concerti a pagamento nel dopo cena, che non erano però solo eventi singoli, ma anelli di quella catena sociale che lega la comunità di artisti che rende viva l'etichetta e che ha ramificazioni anche fuori di essa. E se lo scorso anno al centro della giornata c'era l'omaggio a Lawrence D. “Butch” Morris, con una conduction della Bolognesi alla quale presero parte, oltre ai musicisti di Fonterossa, artisti di diversa provenienza, quest'anno il focus era su esperienze di didattica che, arditamente fuse con l'attività artistica di chi vi svolgeva il ruolo docente, hanno visto la messa in scena di spettacoli estremamente interessanti.

Ha aperto l'evento infatti il Conga Lab, un laboratorio diretto da Simone Padovani che va avanti da oltre quattro anni e che si è presentato qui con sei percussionisti e quattro autorevoli ospiti come Gabrio Baldacci alla chitarra, Tony Cattano al trombone, Daniele Paoletti alla batteria e Piero Gesuè alla voce. Un concerto intrigante, che ha visto l'impiego di numerose percussioni diverse, sotto l'attenta direzione di Paoletti che proponeva soluzioni diverse, variando ritmi e atmosfere e mescolando africa e latinoamerica. Con gli ospiti a intervallare il flusso ritmico-percussivo con i loro interventi estemporanei, creativi e marcatamente espressivi. Un'ora di trascinante gioia collettiva, diretta ma ricca di sfumature.

A seguire Marco Colonna (clicca qui per leggere la recente intervista) ha presentato il suo ultimo CD in solo, Bushido, assieme a uno dei molti che ne fanno tuttavia un lavoro collettivo: il poeta Alberto Masala. Ma i due hanno scelto di non eseguire le musiche dell'album (escluso un solo brano, in conclusione), né di riprendere le brevi liriche che Masala ha dedicato a ciascuna composizione, bensì di improvvisare uno spettacolo per voce recitante e sax baritono, prendendo a spunto più antichi scritti del poeta, tratti da Taliban. I trentadue precetti per le donne, dedicato alle donne afgane all'epoca della Guerra del Golfo. Performance densa e tesa, degna di due uomini che si dedicano alla resistenza come pratica artistica e politica, che ha messo in mostra una volta di più le spettacolari capacità creative e tecniche di Colonna, ma ha lasciato qualche perplessità nell'integrazione tra musica e testo.

Come tradizione, sull'ora di cena ci si è spostati presso il bar ristorante Il Sottobosco dove, accanto a un buffet, è andato in scena un quartetto estemporaneo composto dai sassofoni di Cristiano Arcelli e Piero Bittolo Bon, dal trombone di Tony Cattano e dalla batteria di Daniele Paoletti. I quattro giurano essersi trattato di un'occasione unica, interamente basata su musica improvvisata realizzata con ben poche prove e preliminari, e che non avrà un seguito; chi era presente non può che dispiacersene visto che, a dispetto di un ambiente complicato sia per chi suonava che per chi ascoltava, la musica è stata bellissima. Avvalendosi tanto della ben nota creatività dei protagonisti, quanto della particolarità degli strumenti -due sax accanto al trombone imprevedibile ed espressivo di Cattano, con la sola batteria a supporto ritmico -il concerto è stato un continuo susseguirsi di scoppiettanti invenzioni, scambi di parti, intrecci di linee sghembe, assolo a cascata. Il tutto con grande freschezza e completa comunicativa. Davvero notevole.

La parte conclusiva della giornata si è articolata su due concerti, cominciando dal rodato quartetto Ju Ju Sounds di Silvia Bolognesi, con Achille Succi alle ance, Paolo Botti al banjo e alla viola e Andrea Melani alla batteria. Il progetto è notoriamente piuttosto singolare: toni bassi, temi molto ritmici, reiterati quasi circolarmente, ipnotici, a evocare mantra ancestrali che talvolta fanno capolino anche con la voce. Se nel disco Protection Sounds era presente la voce di Griffin Rodriguez e nei concerti è la stessa Bolognesi a cantare, stavolta la formazione si è potuta avvalere della presenza della cantante chicagoana Dee Alexander, che ha ancor più alzato la singolarità della musica con una interpretazione assolutamente personale, fatta di escursioni vocali dosate espressivamente e frequenti cambi di passo.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Phil Keaggy at Mount Hermon Live Reviews
Phil Keaggy at Mount Hermon
By John Bricker
July 22, 2019
Read North Sea Jazz Festival 2019 Live Reviews
North Sea Jazz Festival 2019
By Ljubinko Zivkovic
July 19, 2019
Read Montreux Jazz Festival 2019 Live Reviews
Montreux Jazz Festival 2019
By Martin McFie
July 18, 2019
Read Jazz At Juan 2019 Live Reviews
Jazz At Juan 2019
By Martin McFie
July 18, 2019
Read Summer Jazz and Fringe Jazz Fest 2019 Live Reviews
Summer Jazz and Fringe Jazz Fest 2019
By Jakob Baekgaard
July 17, 2019
Read North Sea Round Town 2019 Live Reviews
North Sea Round Town 2019
By Henning Bolte
July 17, 2019
Read Kiefer Sutherland at Irving Plaza Live Reviews
Kiefer Sutherland at Irving Plaza
By Mike Perciaccante
July 13, 2019