All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Sexmob: Cultural Capital

Nicola Negri By

Sign in to view read count
Vent'anni di Sexmob. Un gruppo nato quasi per caso, a metà anni 90, in occasione di un lungo ingaggio alla Knitting Factory di New York. Steven Bernstein lo aveva pensato come palestra personale per praticare uno strumento improbo come la slide trumpet, e per affinare le doti già significative di arrangiatore, oltre che per divertirsi con alcuni tra i suoi amici più stretti. La sfida era proprio quella di creare una musica che potesse arrivare immediatamente ad un pubblico ampio e non specializzato, e mantenere allo stesso tempo una dose sostanziosa di avventura. Questa la formula quindi: prendere brani conosciuti, valorizzarne la melodia con arrangiamenti essenziali e mantenerla sempre riconoscibile anche con un organico ridotto all'osso—due fiati (Bernstein e Briggan Krauss, al sax baritono), basso (Tony Scherr) e batteria (Kenny Wollesen). Il risultato: un mondo sonoro quasi schizofrenico nella commistione dei generi musicali più disparati, dalle traduzioni di brani popolari (in tutti i sensi) come "Sign O' the Times" di Prince o "Fernando" degli ABBA alla musica per i film di James Bond; dal repertorio di Nino Rota per Fellini al Duke Ellington degli anni '20; dalle sperimentazioni etnico/elettroniche al jazz primigenio di New Orleans.

Cultural Capital è forse il disco più personale di Sexmob: totalmente autoprodotto, registrato nello studio casalingo di Tony Scherr, e in origine distribuito solo ai concerti del gruppo. Composto esclusivamente da brani originali di Bernstein, e senza altri musicisti ospiti ad alterare gli equilibri interni, l'album è un manuale di perizia compositiva ed efficacia comunicativa, che alterna episodi essenziali, tutti giocati sull'immediatezza della performance, a strutture multi-tematiche complesse, con un lavoro certosino su timbri e dinamiche.

"Street" apre l'album in tipico stile Sexmob, con una melodia elementare appoggiata su un giro di basso ipnotico; la successiva "Step Apache" si divincola tra continui cambi di tempo, con tromba e sassofono che si moltiplicano grazie ad un uso intelligente delle sovraincisioni. La capacità di elevare i materiali all'apparenza più umili è ben evidente in "4 Cents," dove la scrittura trasforma un tema di estrema semplicità in un gioiello di concisione armonica quasi ellingtoniana. Allo stesso modo, il semplice riff circolare di chitarra che compare a metà di "Valentino," fa da irresistibile contrappunto al call and response fra tromba e sassofono, spingendo il pezzo verso un finale entusiasmante. Non manca l'elemento più divertito e irriverente, come la filastrocca di "Bar Si," che introduce un assolo delirante di Krauss, prima di trasformarsi in un potente blues a sostenere l'assolo di Bernstein, che riesce a sfruttare in egual misura perentorietà e possibilità microtonali della slide trumpet.

La musica di Cultural Capital, pur muovendosi in ambiti totalmente diversi dalla tradizione del klezmer, che Bernstein ha investigato altrove, ne condivide in qualche modo la capacità di essere vivace, quasi spensierata, e al tempo stesso elegiaca, spesso struggente.
Allo stesso tempo, un approccio spregiudicato all'improvvisazione jazzistica, fatto di gesti musicali eclatanti—l'urlo distorto e perennemente fuori fase della tromba, il vibrato esasperato del baritono, i groove possenti di basso e batteria—è lo strumento per cercare, ancora una volta, quella sintesi tra divertimento puro e ricerca che è sempre stato elemento essenziale del gruppo.
Ancora una volta, missione compiuta.

Track Listing: Street; Step Apache; Bari Si; Helmland; 4 Cents; Syrup; Giant Minds; Valentino; Golden House; Lacy; Hear You; SF; Briggan.

Personnel: Steven Bernstein: slide trumpet, alto horn; Briggan Krauss: alto and baritone saxophones; Tony Scherr: acoustic and electronical bass, guitar; Kenny Wolleson: drums, percussion.

Title: Cultural Capital | Year Released: 2017 | Record Label: Rex Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Exotique

Exotique

Sexmob
Sexotica

In Pictures
Album Reviews
Year in Review
Album Reviews
Read more articles
Cultural Capital

Cultural Capital

Rex Records
2017

buy
Cinema, Circus & Spaghetti (Sex Mob Plays Fellini: The Music of Nino...

Cinema, Circus &...

Royal Potato Family
2013

buy
 

Live In Willisau 2006

Knitting Factory Works
2009

buy
Sex Mob Meets Medeski

Sex Mob Meets Medeski

Thirsty Ear Recordings
2009

buy
Sexotica

Sexotica

Thirsty Ear Recordings
2006

buy
Dime Grind Palace

Dime Grind Palace

Knitting Factory Works
2003

buy

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Read Barriers Album Reviews
Barriers
By Karl Ackermann
February 16, 2019
Read Fractal Guitar Album Reviews
Fractal Guitar
By John Kelman
February 16, 2019
Read The Early Bird Gets Album Reviews
The Early Bird Gets
By Mark Corroto
February 16, 2019
Read The Newest Sound You Never Heard Album Reviews
The Newest Sound You Never Heard
By Jerome Wilson
February 16, 2019
Read Think Big: Like Me Album Reviews
Think Big: Like Me
By Paul Naser
February 16, 2019
Read Melodic Ornette Coleman: Piano Works XIII Album Reviews
Melodic Ornette Coleman: Piano Works XIII
By Karl Ackermann
February 15, 2019
Read Free Fall Album Reviews
Free Fall
By Peter Hoetjes
February 15, 2019