Home » Articoli » Gianluca Petrella, Pasquale Mirra: Correspondence

Album Review

Gianluca Petrella, Pasquale Mirra: Correspondence

By

Sign in to view read count
Gianluca Petrella, Pasquale Mirra: Correspondence
Si avverte un forte aroma d'Africa, fin dalle prime battute di questo Correspondence, lavoro nato dalla collaborazione di Gianluca Petrella e Pasquale Mirra. Un'Africa non certo da cartolina, come ci hanno abituato ormai troppo spesso tante realizzazioni che prendono a modello il continente nero solo nella superficie. Certamente, anche qui siamo di fronte a una mediazione con l'universo africano e con tutti i suoi addentellati caraibici e sudamericani, ma le elaborazioni, che coinvolgono l'uso dell'elettronica, lo spirito dell'improvvisazione, un clima danzante ancestrale mescolato a suggestioni techno e di altri ambiti, sono profonde e ricche. C'è uno spessore, c'è un'adesione poliritmica, coloristica, umorale addirittura, di prim'ordine. C'è un carattere. E la corrispondenza, il cui senso richiama inevitabilmente la foresta di simboli di Baudelaire, è ad ampio raggio, affidata all'intreccio di fronde sonore.

In primo luogo, c'è la corrispondenza, intesa come dialogo ma pure affinità spirituale, tra i due protagonisti. Tra i loro strumenti, di natura differente e perfettamente a proprio agio nella creazione di contrasti, ma anche di tessuti ben amalgamati, di accostamenti timbrici accesi, di evocazioni. Evocativo è, appunto, l'incipit del CD, "Everyday Magic," pura magia con il suo fitto, elastico lavoro ritmico creato con l'elettronica da Petrella e con il vibrafono o il midi vibes (ma anche la marimba e il balafon) da Mirra, sul quale si innestano i suoni riverberati del trombone, in un crescendo sempre più incarnato dentro una melodia che ci ricorda Chris McGregor e gli indimenticabili sudafricani, dapprima The Blue Notes, poi Brotherhood of Breath. Ma naturalmente, sparso in tutto il lavoro, c'è sempre lo spirito ampio, libertario, cosmico di Sun Ra.

Allo stesso modo evocativo, ma con tappeti timbrici e ritmici differenti, più ipnotici, il trombone lavora in "Omo," altro brano in cui sono all'opera i due soli protagonisti, con una vasta gamma di elaborazioni elettroniche. Anche qui, la musica si va rapprendendo in un climax dalla curva dinamica formidabile, con scandagli del trombone al contempo astratti e molto fisici. "Correspondence," come altri brani, vede all'opera altri musicisti e altri strumenti, quali il basso elettrico di Blake Franchetto e le percussioni di Davide Mineo. Il tema è ben disegnato in una melodia che resta indelebile nella memoria, con interventi in solo magistrali di vibrafono e trombone. Il complementare "Correspon-dance" è di carattere più caraibico, sia nell'intreccio poliritmico che nei colori orchestrali, con la presenza del percussionista maliano Kalifa Kone. Ancora molto significativi gli interventi di Mirra.

"Hidden Soul" è un altro brano di carattere forte, in questa ampia varietà compositiva dei due leader, sempre di notevole consistenza. Un'atmosfera più rilassata, immersa in un liquido di aromi e rumori, innervata dal lavoro ben focalizzato del basso di Franchetto. "Night Shift" è frutto della collaborazione con la vocalist Giulietta Passera, in un fitto dialogo recitativo con le percussioni e con gli interventi pregnanti di Petrella. Meritano ancora menzione "Naja Naja," cinque minuti di ulteriore magia al cospetto di Sun Ra, e "Ntanà," che affida la conclusione al contributo dello strumento cordofono africano n'goni, interpretato da Kone. Il sodalizio di Petrella e Mirra, germinato nell'estate del 2019 con alcuni concerti, è senza dubbio tra i più significativi della scena attuale in Italia.

Album della settimana.

Track Listing

Everyday Magic; Correspondence; Omo; Hidden Soul; Night Shift; Naja Naja; Correspon-Dance; The Mine; Ntanà.

Personnel

Gianluca Petrella: trombone; Pasquale Mirra: vibraphone.

Additional Instrumentation

Gianluca Petrella: Synth, Efx, Rhodes, Electronic Drums Programming; Pasquale Mirra: Marimba, Balaphone, Midi Vibes, Percussions; Giulietta Passera: voice (track 5); Kalifa Kone: Talking Drums, N'goni, Calabash (tracks 7, 9); Blake Franchetto: Electric Bass (tracks 2, 4, 8); Danilo Mineo: Congas, Krakabs, Bongos, Effects (tracks 2, 5, 7, 8); Simone Padovani: Percussions (track 7); Primo Zanasi: Drum Beat (track 5).

Album information

Title: Correspondence | Year Released: 2021 | Record Label: Tǔk Air


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Freedom
Albare & Co.
Fire Hills
Olie Brice Trio / Octet
Far Horizons
Brian Auger and the Trinity

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.