All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Dipace, Massaria, Gallo, Faraò: Collera City

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Dipace, Massaria, Gallo, Faraò: Collera City
Collera City è un lavoro di improvvisazione radicale, registrato immediatamente dopo la notizia della scomparsa di Cecil Taylor, al quale è ispirato e dedicato—i titoli dei brani altro non sono che la scomposizione di una frase programmatica del grande pianista afroamericano. A realizzarlo è un quartetto che vede il pianoforte del giovane e interessantissimo Alberto Dipace accompagnato da Danilo Gallo al contrabbasso (ma anche all'ukulele) e Ferdinando Farao alla batteria—un trio che due anni orsono aveva realizzato l'eccellente Eyes and Madness—e affiancato Andrea Massaria alla chitarra e all'elettronica.

La cifra del lavoro è ben definita e coerente, caratterizzata in primo luogo dal contrasto tra i suoni cristallini del pianoforte e quelli acidi ed evocativi prodotti da Massaria, che—accanto alla chitarra—lavora in modo estremamente creativo all'elettronica, e in secondo luogo dal paritetico operare dei quattro musicisti, ciascuno dei quali apporta un contributo decisivo al suono corale.

Il clima è invece piuttosto vario e passa dal sospeso ed etereo—per esempio "Discipline? No," condotta interamente dal piano su un pedale ipnotico sostenuto dalla batteria e, in parte, dal contrabbasso, o "Leads You To," nel quale il lirismo del piano è screziato dal contrappunto della chitarra—al concitato ed irruente—"The Joy of Practicing," nella quale contrabbasso e batteria sospingono con forza il dinamismo delle due prime voci—che spesso si coniugano virtuosamente assieme anche nelle singole sezioni—per esempio in "The Celebration of," per larga parte un crescendo dinamico operato di concerto dalla chitarra e dalla batteria, nel quale il piano interviene con sonorità artefatte, o nella successiva, lunga "Creation," forse l'acme del lavoro, ove il libero intersecarsi di piano e suoni elettronici origina una trama sognante e trascendente.

Ultima in programma, "Thanks to Cecil" (dedica esplicita dopo quella implicita dei brani precedenti) è condotta su un insistito ritmo caraibico, fa uso di campionamenti, anche vocali, e—pur uscendo in parte dalla cifra, conclude degnamente un album freschissimo, godibile, che tiene in ogni parte sempre desta l'attenzione dell'ascoltatore.

Tra i migliori dischi del 2020.

Album della settimana.

Personnel

Alberto Dipace: piano; Andrea Massaria: guitar, electric; Danilo Gallo: bass, acoustic; Ferdinando Farao: drums.

Album information

Title: Collera City | Year Released: 2020 | Record Label: Aut Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Squirmin'
Jazz WORMS
Glowing Life
Sylvaine Hélary
All Figured Out
Derek Brown
Taftalidze Shuffle
Vlatko Stefanovski
Entendre
Nik Bartsch

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.