All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Lucas Gillan's Many Blessings: Chit-Chatting with Herbie

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Lucas Gillan's Many Blessings: Chit-Chatting with Herbie
Questo nuovo omaggio a Herbie Nichols è stato pubblicato nel 2019, nel centenario della nascita del grande pianista. Protagonista è il batterista di Chicago Lucas Gillan, al suo secondo album col gruppo Many Blessings.

Originario dell'Arizona, Gillan opera da alcuni anni nella Windy City e il suo pianoless quartet coniuga un'ampia serie di influenze: l'impronta dello storico organico di Ornette Coleman è piuttosto evidente ma non mancano relazioni col vasto retroterra di blues e soul music del Midwest.

Com'è noto la musica di Nichols è stata riportata alla luce nei primi anni ottanta, prima da Misha Mengelberg (con Roswell Rudd, Steve Lacy, Han Bennink e altri partner) e poi nel decennio successivo da Buell Neidlinger e dall'ensemble The Herbie Nichols Project del pianista Frank Kimbrough e del contrabbassista Ben Allison.

Il progetto di Gillan è personale e convincente. A differenza di Mengelberg e dell'HNP rilegge la musica di Nichols (che da leader incise sempre in piano trio) in un combo senza pianoforte assumendosi l'onere d'interpretare, traccia dopo traccia, l'intera sequenza del classico Blue Note The Herbie Nichols Trio del 1956. "Perché avrei dovuto, da batterista leader di un quartetto senza pianoforte—ha detto il batterista—affrontare tutti i problemi di trascrizione e organizzazione di quei dieci brani, per non menzionare le spese di registrazione, produzione e promozione dell'album? La più semplice risposta è che amo la musica di Herbie e voglio dare il mio contributo a diffonderla." Il modo con cui Gillan rilegge il disco dimostra che il suo omaggio è sincero, per il rispetto che mostra per l'identità dei temi nella sua personale rilettura.

L'album inizia con "The Gig," il cui arrangiamento trae spunto dalla versione di Dave Douglas in Costellations: il brano mantiene l'urgenza ritmica dell'originale e il chiaro groove percussivo ma privilegia l'arrangiamento alle libertà dei singoli. L'inventiva scrittura di Gillan emerge in pieno con il danzante e variopinto "House Party Starting," ricco di riferimenti alla tradizione più un ottimo intervento dell'incisivo trombettista Quentin Coaxum e del vibrante sax tenore di Jim Schram. Sottili riferimenti alle musiche caraibiche caratterizzano il successivo "Chit-Chatting," in un avvincente connubio con l'estetica post-free. Non possiamo ovviamente soffermarci su ogni esecuzione e terminiamo segnalando la seducente versione del noto "Lady Sings the Blues," con un lungo assolo dell'ottimo Jim Schram.

Un disco riuscito che consigliamo vivamente. Con vivace tensione e bella sintesi tra avanguardia degli anni ottanta/novanta e tradizione, il progetto di Gillan coglie con originalità l'essenza delle musiche di Nichols senza appiattirsi su quanto espresso in passato.

Album della settimana.

Track Listing

The Gig; House Party Starting; Chit-Chatting; Lady Sings the Blues; Terpischore; The Spinning Song; Query; Wildflower; Hangover Triangle; Mine.

Personnel

Lucas Gillan: drums; Quentin Coaxum: trumpet; Dan Thatcher: bass; Jim Schram: saxophone, tenor.

Album information

Title: Chit-Chatting with Herbie | Year Released: 2019 | Record Label: Jerujazz Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read Brazil
Brazil
Mike Barone Big Band
Read Liga Latina
Liga Latina
Liga Latina
Read The Call Within
The Call Within
Tigran Hamasyan
Read Light In The World
Light In The World
Nocturnal Four
Read A Time And A Place
A Time And A Place
Dustin Laurenzi's Natural Language

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.