All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Bettye LaVette: Blackbirds

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Bettye LaVette: Blackbirds
Com'è accaduto a Sharon Jones & the Dap-Kings anche Bettye LaVette ha incontrato il successo in età matura—o nel suo caso avanzata—ottenendo quei riconoscimenti che non ebbe negli anni d'oro della soul music. È stato l'album del 2003 A Woman Like Me, quando aveva già 57 anni, a darle quel successo che attendeva da tempo, aprendole un percorso ricco di soddisfazioni.

Con una scelta personale, Bettye non s'è collocata nel filone neo soul o degli Oldies but Goldies del repertorio Motown o Stax, ma ha preferito reinterpretare temi più o meno noti del rock e della popular music, ridisegnandoli con la sua marcata espressività.

Il suo precedente album del 2018 Things Have Changed era intermente dedicato al repertorio di Bob Dylan e, supportata da Keith Richards, Pino Palladino, Gil Goldstein, Steve Jordan e altri, ha fatto il pieno di premi. Nel nuovo lavoro si concentra su alcuni temi chiave del repertorio di cantanti afro-americane del passato come Nancy Wilson, Nina Simone, Dinah Washington o Billie Holiday più il brano dei Beatles che dà il titolo all'album: da anni Bettye l'ha inserito nel suo repertorio, leggendovi riferimenti al movimento dei diritti civili afroamericani degli anni sessanta.

Il piacere dell'ascolto viene innanzitutto dalle personali interpretazioni della cantante, il cui timbro polveroso mostra impennate drammatiche, suscitando qualche brivido all'ascoltatore. Il brano d'apertura "I Hold No Grudge," vecchio hit di Nina Simone, si pone come il manifesto espressivo del disco: lasciati i fondali con archi della versione originale il tema prende le forme di un lento rock blues con la chitarra elettrica di Smokey Hormel in evidenza.

I brani successivi sono affrontati tutti in lente interpretazioni colloquiali, che hanno però il limite di uniformare un po' troppo il percorso, nonostante le piacevoli soluzioni del chitarrista Smokey Hormel, del vibrafonista Monte Croft e di Leon Pendarvis alle tastiere. Tra i brani più vivaci ricordiamo "Blues of the Wheepers," che dona freschezza al lontano successo di Della Reese, e "Romance in the Dark" di Dinah Washington (la cui versione resta insuperata).

Track Listing

I Hold No Grudge; One More Song; Blues for the Weepers; Book of Lies; Romance in the Dark; Drinking Again; Strange Fruit; Save Your Love for Me; Blackbird.

Personnel

Bettye LaVette: voice / vocals; Smokey Hormel: guitar; Leon Pendarvis: keyboards; Monte Croft: vibraphone; Tom Barney: bass; Steve Jordan: drums.

Album information

Title: Blackbirds | Year Released: 2021 | Record Label: Verve Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Sone Ka-la 2: Odyssey
Jacques Schwarz-Bart
It's My Turn
The Echo Park Project
Da Fé
Dan Blake
Dream Disobedience
Elisabeth Harnik / Michael Zerang
Soul Conversations
Ulysses Owens Jr. Big Band
Sud Des Alpes
The Rempis Percussion Quartet
Hokusai
Sabu Toyozumi / Mats Gustafsson

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.