Home » Articoli » Avishai Cohen Trio al Crossroads Festival 2021

Live Review

Avishai Cohen Trio al Crossroads Festival 2021

Avishai Cohen Trio al Crossroads Festival 2021

Courtesy Andreas Terlaak

By

Sign in to view read count
Avishai Cohen Trio
Crossroads Festival 2021
Arena Lido
Rimini
25.7.2021

Dopo quasi due anni dall'ultimo concerto in Italia, Avishai Cohen ritorna a suonare nel Bel Paese nell'ambito di un tour europeo che durerà fino all'autunno prossimo. Sul palco dell'Arena Lido, spaziosa e confortevole location situata sulla Darsena di Rimini, Cohen sale sul palco accompagnato dal fidato pianista Elchin Shirinov e da Roni Kaspi alla batteria, per uno dei concerti più attesi dell'edizione 2021 del Festival Crossroads.

Si tratta per Cohen di una riconferma della forma del trio, a cui già era tornato nel 2020 con il luminoso Arvoles, dopo aver sconfinato nella forma quintetto all'origine del songbook 1970, pubblicato nel 2017 Il concerto di Rimini, fin dai bagliori emanati nell'iniziale "Ani Maamin," dimostra ancora una volta quanto il trio sia la forma prediletta da Cohen. La sua musica è così, danza continuamente sull'orlo del precipizio, sospesa fra diversi ritmi (latinoamerica/medioriente) e stili (improvvisazione/struttura, ma anche virtuosismo/coralità). Le sonorità adamantine del contrabbasso di Cohen hanno bisogno di spazio e di silenzio per espandersi nell'aria e illuminare il paesaggio sonoro circostante trasformandolo, per rinfrazione più che per assorbimento, in uno specchio vivente di quella stessa, rigogliosa, sorgente di suoni.

La chiave di volta della serata è l'improvvisazione. Per rendersene conto, basterebbe chiedere, ancora prima dell'inizio del concerto, la setlist ai tecnici del mixer ("Don't have it. Tonight everything is improvised"). In particolare, Cohen suona attraverso lampi di genio: è impressionante lo spettro di sonorità e di cromatismi che riesce a generare pizzicando in diversi punti e con diversa intensità ogni corda del contrabbasso, oppure suonandolo a mo' di chitarra o di violoncello tramite archetto. Ma lo spettacolo non è solo auditivo quanto visivo (forse finanche cinestetico): Cohen danza letteralmente con il contrabbasso (strumento normalmente indomabile), lo abbraccia e lo stringe a sé, gli fa fare il casquè, lo seduce e ne è a sua volta sedotto. Dire che lo strumento si fa tutt'uno con il corpo del musicista, non è per nulla metaforico in questo caso.

E così Cohen continua a comporre e a scomporre dando volume ai brani, mentre, dall'altro lato, Shirinov armonizza i temi prediligendo i suoni alti e persistenti del pianoforte. Anche la giovanissima Roni Kaspi, nonostante un inizio sottotono probabilmente dovuto all'emozione, alla lunga tiene il palco come una veterana, si insinua nella fitta rete sonora tessuta da contrabbasso e pianoforte trascinandola verso territori crossover (la formazione hardrock di Kaspi non è documentata, ma, a giudicare dallo stile, pare proprio evidente). A parte una perdita di coesione nel momento in cui vengono eseguiti alcuni brani del tutto inediti, il livello dell'esecuzione resta altissimo e le emozioni forti si susseguono una dopo l'altra.

Per la prima reprise, il trio esegue "El sueño va sobre el tiempo," una canzone popolare di Sala Garcia Lorca che scalda i cuori soprattutto per il cantato così profondamente umano di Cohen. Poi c'è di nuovo il saluto, le luci che si riaccendono, l'ovazione del pubblico che ne vuole ancora un'altra, proprio quella, e il trio che torna sul palco, perché un concerto di Cohen non si può chiudere senza "Remembering": ballata maestosa e straziante, che, proprio come richiama il titolo del disco che la contiene, riporta a casa, dovunque essa sia. Miracoli della musica suonata con il cuore.

Post a comment


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Popular

Read David Crosby: A Revitalized Creativity
Read Ten Essential Keith Jarrett Solo Recordings
Read Most Read Articles: 2022
Read Leonard E. Jones: Taking Control Of Destiny
Read 2023 Winter JazzFest Marathons: A Survival Guide
Read Popular Jazz Songs: 2022

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.