All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

15

Stefano Leonardi, Marco Colonna, Antonio Bertoni, Fridolin Blumer, Heinz Geisser: Aura

Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
Stefano Leonardi, Marco Colonna, Antonio Bertoni, Fridolin Blumer, Heinz Geisser: Aura
Aura è un buon titolo per questo lavoro, che vede impegnato il quintetto del flautista trentino Stefano Leonardi, già protagonista con lo stesso organico del CD l'Eterno, pubblicato nel 2018 sempre dall'etichetta Leo Records. Rispetto alla frenetica turbolenza che impregnava l'opera precedente, qui ci troviamo alla ricerca di una tavolozza che amplia gli episodi eterei e distesi, con attenzione agli impasti timbrici sia affini che contrastanti, di ampio alone allusivo a culture e suggestioni anche lontane, nello spazio e nel tempo. Aura, appunto.

Di questo ampliamento timbrico, combinatorio e culturale, è spia il ventaglio di strumenti utilizzato da Leonardi, che rispetto al precedente lavoro (dove già accanto ai flauti canonici c'erano sulittu e launeddas) si avvale di altri insoliti aerofoni di natura etnica, come il dilli kaval, tradizionale flauto popolare dell'Azerbaigian, e il bass xun, flauto di terracotta di antica origine cinese. Si approfondisce pure la densità empatica della musica, il tutto connotato in un contesto originale, dove si trovano inedite soluzioni e stimoli inconsueti. Anche attraverso il lavoro di gruppo, si aprono nuovi scenari alla libertà e all'esplorazione.

Dall'ammirabile coesione del quintetto emerge la forza delle singole voci, sempre ben riconoscibili e contestualizzate nelle trame di una musica densa ma tracciata con nitido cesello. I clarinetti e il sax sopranino di Marco Colonna ne rappresentano uno dei segni imprescindibili, accanto al leader, per la varietà di ispirazione e la costante sintonia. È lo stesso clarinetto basso di Colonna che caratterizza lo svolgimento di "Astral Garden," il brano che in contrasto al primo, guizzante, sovracuto volo del flauto sulittu in "Kite," immette nel clima pregnante del lavoro.

Qui si esplora già l'atmosfera diffusa dell'album, con il contrasto tra i registri gravi, saggi di Colonna, i suoi disegni assorti, e il tenero, saltellante canto ornitologico del flauto in legno di sambuco. Con il tessuto connettivo della ritmica, che traccia un fondale cupo e avvolgente. Il passaggio al sopranino in "Breath" segna l'irruzione di un'atmosfera più concitata, con le ondate energetiche magistralmente gestite verso un epilogo rilassato. Il flauto globulare cinese, con i suoi timbri ancestrali ed evocativi, fa apparizione in "Clay," dove l'abbinamento con il clarinetto ribalta i ruoli espressivi dell'opposizione quiete/impeto.

Ma è in "Sand Shapes" che la musica del quintetto giunge a una massima intensità. C'è sempre lo strumento globulare cinese, con un incipit che sembra voglia citare il tema di "Aranjuez," a dettare un clima di fondo, in dialogo con il clarinetto basso, stavolta su un'osmosi che va intensificandosi nel corso del brano. Sintonia che è assecondata dal lavoro degli altri tre musicisti: il violoncellista Antonio Bertoni, concentrato su un efficace utilizzo timbrico/espressivo dello strumento; il contrabbassista Fridolin Blumer e il batterista Heinz Geisser, coppia ritmica di compatta varietà.

Gli ultimi quattro brani del lavoro ne confermano l'ampia gamma espressiva e d'ispirazione, dal cadenzato "Pulse" all'enigmatico "Threads," dove compare (come in "Requiem") quella parte di launeddas chiamata mancosedda. La musica dell'album è totalmente improvvisata e questi sono senza dubbio musicisti che sanno condurre il discorso collettivo con attenzione e accorta esperienza. L'empatia è costante e profonda. L'evocazione di atmosfere etniche è ricca e originale, si mescola alla freschezza di un free senza manierismi.

Track Listing

Kite; Astral Garden; Breath; Clay; Whirlwind; Sand Shapes; Pulse; Requiem; Threads; Afterglow.

Personnel

Stefano Leonardi: flute; Marco Colonna: clarinet; Antonio Bertoni: cello; Heinz Geisser: percussion.

Additional Instrumentation

Stefano Leonardi: piccolo, sulittu, dilli kaval, bass xun, launeddas (mancosedda); Marco Colonna: bass clarinet; sopranino sax; Antonio Bertoni: guembri; Fridolin Blumer: double bass; Heinz Geisser: waterphone.

Album information

Title: Aura | Year Released: 2020 | Record Label: Leo Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Genealogy
CODE Quartet
First Mile
Lamb Anderson Sorgen
What are the Odds?
Dennis Winge
Untucked In Hannover
Tom Rainey Obbligato
Aliens & Wizards
The Spike Wilner Trio
Manhattan Samba
Hendrik Meurkens
Almost Alone Vol 1
Samo Salamon & Friends

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.