Home » Articoli » Album Review » Daniel Bingert: Ariba

1

Daniel Bingert: Ariba

By

Sign in to view read count
Daniel Bingert: Ariba
Figlio d'arte—il padre Hector, leggendario sassofonista uruguaiano trasferitosi in Svezia negli anni sessanta, ha suonato tra gli altri con Nat King Cole, Buddy Rich, la Thad Jones & Mel Lewis Orchestra, Tina Turner—Daniel Bingert è figura importante della scena musicale svedese. Fin dagli anni novanta si è esibito nei più svariati contesti passando dalla big band di latin jazz guidata insieme al padre al gruppo fusion—free-punk denominato JH3. Ariba giunge tre anni dopo il sorprendente debutto di Berit in Space, presenta la stessa formazione—e che formazione —confermando il leader nel ruolo di compositore, arrangiatore direttore musicale e produttore.

La suddivisione dei brani sulla quarta di copertina in lato A e lato B non è un vezzo grafico ma testimonianza di una registrazione avvenuta su vinile, trasferita su cassetta analogica e finalmente su CD. L'obiettivo? Ricreare in maniera più fedele possibile il suono delle incisioni degli anni sessanta con le quali Bingert è cresciuto. A ciò si aggiunga che anche i dieci brani, per una durata complessiva di quaranta minuti, a quel periodo fanno spesso riferimento e comincerete ad avere un quadro abbastanza preciso di quello che si andrà ad ascoltare.

Ossia un album decisamente insolito nell'ormai ventennale catalogo Moserobie—improntato ad una musica perlopiù avventurosa—ma tutt'altro che nostalgico o ingabbiato in rigidità stilistiche. I quattro fiati soffiano leggeri, tracciando linee che viaggiano a volte parallele a volte in garbati call and response, la sezione ritmica ha la precisione di un orologio svizzero, ma scombina le carte quando serve, la varietà delle composizioni e la direzione del leader fanno il resto. Da ricordare in particolar modo «Ulla my dear», composizione scritta ventitre anni fa in memoria della madre. Il clarinetto basso dopo un'introduzione ipnotica libera un'inventiva melodica preziosa, su di un fondale ritmicamente mobile veleggiano delicate traiettorie di sassofoni e tromba, il pianoforte in punta di piedi, alleggerisce, sfumandolo, il ritorno dei toni gravi del clarone. Otto minuti di pura delizia !

Album della settimana.

Track Listing

Benny Monk; Ulla My Dear; Ariba; Mobley Phone; I Shot a Elephant in my Pyamas; Latin Good Times Spela Roll; Tom of Norway; Kennet Lemur; SoulnNedgangen; Alvsala Lullaby.

Personnel

Album information

Title: Ariba | Year Released: 2023 | Record Label: Moserobie

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Dances Of Freedom
Samo Salamon
Elegy for Thelonious
Frank Carlberg Large Ensemble
Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.