Home » Articoli » Album Review » Martin Wind, Philip Catherine, Ack Van Rooyen: White Noise

1

Martin Wind, Philip Catherine, Ack Van Rooyen: White Noise

By

Sign in to view read count
Martin Wind, Philip Catherine, Ack Van Rooyen: White Noise
«Il silenzio è diventato sempre più un lusso—dice Martin Wind—con White Noise ho voluto creare un polo acustico opposto. Una sorta di oasi sonora in cui il pubblico può rilassarsi e godere la musica fino alla sua massima espressione».

Per ottenere questo il contrabbassista tedesco—a New York da 25 anni—ha voluto accanto a sé due magistrali jazzmen europei dalla proverbiale impronta melodica: il chitarrista Philip Catherine e il trombettista Ack Van Rooyen. Due artisti d'età avanzata—il primo 79 anni, il secondo 91—che confermano tutta la loro classe con due prove ammirevoli per lirismo, cantabilità e purezza timbrica.

Tanto per chiarire siamo lontani da brani evanescenti o soporiferi, e tanto meno da percorsi estetizzanti ma di fronte a un raffinato modern mainstream che possiamo legare alle pagine radiose di Kenny Wheeler (che Van Rooyen ricorda al flicorno) o a quelle di Rene Thomas e del Django Reinhardt elettrico per quanto riguarda Catherine. Martin Wind si conferma bassista dal perfetto timing e dal respiro intenso ma anche un leader misurato che guida con autorevolezza ogni brano. Questo è il suo undicesimo disco da leader dopo una carriera di primo piano accanto a Pat Metheny, John Scofield, Phil Woods, Michael Brecker, Hank Jones e altri.

Al di là della riconosciuta classe dei tre musicisti, il massimo pregio del disco viene dal dialogo collettivo, che colpisce per equilibrio, intensità poetica e ricerca di soluzioni personali. Caratteri che lo differenziano da talune riunioni di stelle che colpiscono forse la mente ma non il cuore. Il repertorio si snoda tra i brani originali del leader (anche dinamici ed estroversi come "A Genius and a Saint"), un radioso brano di Kenny Wheeler ("Canter") e alcune ballad.

Difficile scegliere tra un percorso tanto ricercato ed essenziale che dispensa piccole meraviglie qua e là: tra le tante ricordiamo la deliziosa chitarra di Catherine in "But Beautiful" tanto vicina alle poesia di Reinhardt, Thomas e Jimmy Raney; e ancora il variopinto ruolo di Martin Wind in "The Dream," il brano più libero e intrigante del disco.

Track Listing

Canter; Everything I Love; White Noise; But Beautiful; The Dream; Autumn Bugle; A Genius and a Saint; I Fall in Love Too Easily.

Personnel

Martin Wind
bass, acoustic
Ack Van Rooyen
flugelhorn

Album information

Title: White Noise | Year Released: 2020 | Record Label: LAIKA-Records

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Skyllumina
Ruth Goller
Wonderful!
Mike LeDonne
Heart Mind and Soul
Randy Bernsen
Tidal Currents: East Meets West
Winnipeg Jazz Orchestra

Popular

Compassion
Vijay Iyer
Jazz Hands
Bob James
Esengo
London Afrobeat Collective

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.