Home » Articoli » Album Review » Steve Argüelles, Francesco Bigoni, Benoit Delbecq, Franc...

Steve Argüelles, Francesco Bigoni, Benoit Delbecq, Francesco Diodati: Weave4

By

Sign in to view read count
Steve Argüelles, Francesco Bigoni, Benoit Delbecq, Francesco Diodati: Weave4
È piuttosto singolare la musica di questo Weave4 (Parco della Musica Records): aperta fino ad apparir sfrangiata, eppure con un andamento narrativo; astratta e d'ispirazione contemporanea, ma al tempo stesso con un suo palese gusto melodico; con un cuore acustico, avvolto però in un alone elettronico; dubbiosa ed esitante nelle direzioni da prendere, ma ciononostante coerente e mai confusa.

Registrata nell'ottobre del 2021 dopo una residenza di due settimane a Parigi, vede protagonisti Francesco Bigoni, sax tenore e clarinetto; Francesco Diodati, chitarra elettrica; Benoit Delbecq, pianoforte e bass station; Steve Arguelles (inglese, ma da anni trasferitosi in Francia), batteria ed elettronica.

I quattro si dividono in parti quasi uguali il lavoro di composizione dei dodici brani e hanno una totale pariteticità nella produzione del tessuto musicale, contribuendo tutti sia alla parte timbrica, sia a quella ritmica. Le atmosfere, tendenzialmente scure, sono nel complesso sospese e astratte, con una mutevolezza quasi liquida, senza che cionostante il lavoro mostri ripetitività, grazie da un lato alla pluralità di "mani" compositive, dall'altro ai diversi strumenti e/o stilemi usati di volta in volta.

Per esempio, "Neither and Both" (di Argüelles) è un brano cangiante, caratterizzato dalla costante presenza di una eco elettronica, con Bigoni al clarinetto che alterna stilemi lirici e lineari ad altri più ritmici e frammentati, mentre Delbecq si muove a là Paul Bley, Diodati crea uno sfondo elettronico avvolgente e il batterista segna il tempo metronomicamente: ne vien fuori una narrazione quieta ed enigmatica che —per forme e imprevedibilità —ricorda il trio di Jimmy Giuffre virato in elettronica. Per contrasto, la successiva "3-4-5" (di Diodati) vede invece Bigoni reiterare piccoli riff al sax tenore, forzando spesso l'espressività, affiancato dal piano che insiste su singole note alte e dalla batteria che raddoppia il beat della eco elettronica, mentre è alla chitarra —suonata in modo quasi acustico —che spetta stavolta un parziale lirismo: e qui ne scaturisce qualcosa di più propulsivo, inquieto e zigzagante, pur nella cifra comune.

Diversa ancora "Le costume" (di Delbecq), che grazie all'espressività assunta dal tenore suona come una onirica ballad, nella quale il pianoforte inacidisce la narrazione con raddoppi e cascate di note, la chitarra e la batteria striano lo sfondo di lampi, mentre la bass station nelle mani di Delbecq scandisce un battito profondo. Evocativa e drammatica "Chemin sur le crest" (anch'essa di Delbcq), tutta giocata sugli incastri di suoni elettronici, "legati" dai rintocchi metallici di Argüelles e da quelli del piano, mentre al clarinetto spetta il ruolo del solista espressivo. "Messina" (di Argüelles e Bigoni) procede attraverso una progressiva sovrapposizione di suoni in cui domina l'elettronica (con la quale Delbecq raddoppia anche la voce del tenore, lasciando da parte il piano) e conferisce al tutto un'aria siderale, mentre la conclusiva "Ristretto" (di Argüelles e dedicata a Steve Lacy, Enrico Rava, Johnny Dyani e Louis Moholo-Moholo) è una stralunata narrazione del clarinetto, sfrangiata dalle percussioni, dalle ondeggianti note del pianoforte preparato e dall'elettronica.

Sebbene catturi fin dal primo ascolto, Waeve4 richiede che l'ascoltatore si immerga nella sua particolare ricerca sonora; dopodiché, però, non finisce più di stupire e affascinare.

Album della settimana.

Track Listing

No for Me; One-Cross Spoke; Neither and Both; 3-4-5; Blomme; Le costume; Snap; Chemin sur le crest; Landscape; Offline; Messina; Ristretto.

Personnel

Additional Instrumentation

Francesco Bigoni: clarinet; Benoît Delbecq: bass station; Steve Arguelles: electronics.

Album information

Title: Weave4 | Year Released: 2023 | Record Label: Parco Della Musica


Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Jamalot
The Bobby Broom Organi-Sation
BEATitude
David Bixler
For Real!
Hampton Hawes

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.