All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

0

Thomas Stronen: Time Is A Blind Guide

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Affermatosi con Food, gruppo elettrico che guida da anni assieme al sassofonista Iain Ballamy (clicca qui per leggere la recensione del loro ultimo album, This Is Not a Miracle), il batterista norvegese Thomas Strønen presenta qui il primo lavoro della sua nuova formazione denominata come l'album stesso Time Is a Blind Guide.

Si tratta di un ensemble britannico-norvegese, interamente acustico e dalla composizione piuttosto sorprendente: accanto alla batteria e alle percussioni del leader figurano infatti un pianoforte, tre archi e -in metà delle tracce -altre due percussioni. L'organico muta al cambiare dei brani e anche nel corso di ciascuno di essi, trasformandosi da piano trio in gruppo d'archi e perfino, in alcuni passaggi, in ensemble di sole percussioni.

Non meno sorprendente è la musica espressa, tutta della penna di Strønen, nella quale il quarantaquattrenne musicista di Oslo fa convergere molte delle prioprie variegate influenze musicali: il jazz (il primo "Everything Disappears"), la tradizione norvegese (che si percepisce in "The Stone Carriers" o "I Don't Wait For Anyone"), il minimalismo (che alimenta certe reiterazioni), la musica giapponese e indonesiana (che fa capolino spesso e soprattutto, neanche tanto velatamente, in "Pipa" o "As We Wait for Time").

Detto che il secondo "Everything Disappears," solo di percussioni di Strønen, è un omaggio allo scomparso John Taylor, con cui aveva lavorato in passato, va aggiunto che, pur in assenza di fiati, Time Is a Blind Guide riesce a suonare come se fossero in organico e anche che il lavoro tiene sempre desta l'attenzione, nonostante la contenuta intensità dinamica e il clima complessivamente "nordico."

Si comprenderà così perché questo album sia da tenere in attenta considerazione, così come i prossimi progetti della formazione.

Track Listing: The Stone Carriers; Tide; Everything Disappears I; Pipa; I Don’t Wait for Anyone; The Drowned City; Lost Souls; Everything Disappears II (Ode To JT); Time Is a Blind Guide; As We Wait for Time; Simples.

Personnel: Thomas Strønen: batteria, percussioni; Kit Downes: pianoforte; Håkon Aase: violino; Ole Morten Vågan: contrabbasso; Lucy Railton: violoncello; Siv Øyunn Kjenstad: percussioni; Steinar Mossige: percussioni.

Title: Time Is A Blind Guide | Year Released: 2016 | Record Label: ECM Records

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read SuperClusters CD/LP/Track Review
SuperClusters
by Karl Ackermann
Published: February 21, 2018
Read Your Queen Is A Reptile CD/LP/Track Review
Your Queen Is A Reptile
by Chris May
Published: February 21, 2018
Read Melodious Drum CD/LP/Track Review
Melodious Drum
by Jack Bowers
Published: February 21, 2018
Read The Speed of Dark CD/LP/Track Review
The Speed of Dark
by Geno Thackara
Published: February 21, 2018
Read Love & Peace CD/LP/Track Review
Love & Peace
by Karl Ackermann
Published: February 20, 2018
Read La Saboteuse CD/LP/Track Review
La Saboteuse
by Chris May
Published: February 20, 2018
Read "Soul Trio" CD/LP/Track Review Soul Trio
by Anthony Shaw
Published: August 24, 2017
Read "Stolen Moments" CD/LP/Track Review Stolen Moments
by Jerome Wilson
Published: September 7, 2017
Read "Live! Rancho Nicasio" CD/LP/Track Review Live! Rancho Nicasio
by James Nadal
Published: June 7, 2017
Read "Birdhoused" CD/LP/Track Review Birdhoused
by Dan McClenaghan
Published: July 22, 2017
Read "Back In Your Own Backyard" CD/LP/Track Review Back In Your Own Backyard
by Budd Kopman
Published: March 25, 2017
Read "Platinum on Tap" CD/LP/Track Review Platinum on Tap
by Geannine Reid
Published: September 8, 2017