Home » Articoli » Miles Okazaki: Thisness

Album Review

Miles Okazaki: Thisness

By

Sign in to view read count
Miles Okazaki: Thisness
Potremmo farci guidare dalle stimolanti note di copertina che evocano simbolismi, sogni, correnti di pensiero tirando in ballo John Cage, Marcel Duchamp e André Breton, in un viaggio surrealista dove immagini (meravigliosi gli acquerelli di Linda Okazaki), versi dal poema di Sun Ra "The Far Off Place" e procedimenti compositivi interagiscono in maniera stimolante.

Oppure potremmo lasciarsi trasportare dal flusso della musica senza condizionamenti, in una sorta di tabula rasa cognitiva che favorisca un assorbimento sensoriale privo di filtri. In un caso o nell'altro ciò che si ascolta sono quaranta minuti di musica meravigliosa, percepibile a differenti livelli, con diversi gradi di approfondimento, ma sempre meravigliosa.

Se i precedenti album licenziati dal quartetto erano imperniati sulla forma canzone, strutture definite rielaborate attraverso la creatività dei musicisti, questo Thisness si presenta come un sorta di suite in quattro movimenti. È lo stesso Miles Okazaki a spiegare: "il mio ruolo di compositore è stato quello di portare delle idee, metterle in moto, ascoltare, riconoscere i punti di snodo, valorizzare i contributi altrui e guidare la band verso ogni sentiero percorribile."

E così nel brano d'apertura le idee sono nuvole sospese e dense di leggerezza, un fluttuare continuo tra derive oniriche e immensità siderali increspati dall'irregolarità delle pulsazioni. «Years in Space» è spazio aperto dove un'apparente anarchia improvvisativa, Babele di linguaggi, trova mirabile coesione formale fino all'esplosione del silenzio finale.

In «I'll Build a World» il nocciolo duro drum'n'bass (fantastica l'accoppiata Anthony Tidd/Sean Rickman) viene arricchito, espanso, dilatato dalle sonorità analogiche delle tastiere di Matt Mitchell mentre la chitarra del leader mostra il suo lato più accessibile e convenzionale (si fa per dire). Il conclusivo «And Wait for You» è funky dalle mille anime ritmiche che si combinano con coloriture timbriche audaci e imprevedibili.

Ciò che sorprende in Thisness è la complessità del lavoro, la sofisticata struttura delle composizioni, i continui cambi di direzione, il labirinto di cellule melodiche e ritmiche, le derive spaziali e, al contempo, la sua immediata fruibilità, il filo diretto con l'ascoltatore, il coinvolgimento emotivo, tutte caratteristiche che solo i grandi album posseggono e questo è un grande, grandissimo album.

Album della settimana.

Track Listing

In Some Far Off Place; Years in Space; I’ll Build a World; And Wait for You.

Personnel

Miles Okazaki: guitar; Matt Mitchell: piano; Anthony Tidd: bass; Sean Rickman: drums.

Additional Instrumentation

Miles Okazaki: vocals, "robots"; Matt Mitchell: Fender Rhodes, Prophet-6.

Album information

Title: Thisness | Year Released: 2022 | Record Label: Pi Recordings

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Popular

Exude
Francesca Han & Ralph Alessi
Baker's Dozen
The Muffins
Blues & Bach: The Music Of John Lewis
Enrico Pieranunzi Trio & Orchestra
The Border
Douwe Eisenga

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.