All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Roberto Esposito: The Decades

BY

Sign in to view read count
Roberto Esposito: The Decades
Il trentenne pianista salentino Roberto Esposito, una brillantissima carriera di studente in ambito sia accademico (comunque prevalente) che jazzistico, è indiscutibilmente un virtuoso, con tutti i pregi e i limiti che la definizione si porta appresso. L'album solitario di cui ci occupiamo abbina così una padronanza strumentale e linguistica sfolgorante a un pressoché totale asservimento a formule largamente note e rimasticate. Se lascia a bocca aperta per la perizia pianistica, in altre parole, il giovane pugliese mette in fila una serie di proprie composizioni che risentono mani e piedi dei suoi amori (cita Rachmaninoff, a cui dedica anche un brano, e Gershwin in primis), limitandosi a un pur abbacinante esercizio di stile.

Fra turgori e sgroppate varie, alternate a ripiegamenti su climi più balladistici (specificatamente "Biancalunaneve," a conti fatti l'episodio più felice del lotto), Esposito confeziona così un lavoro impeccabile e senz'altro gratificante per l'orecchio. Meno, forse, per lo spirito. Almeno per il nostro.

Track Listing

Etude Hirondelle; Kalinifta; Ispirazione n.1 Acqua; Ispirazione n.2 Terra; Ispirazione n.3 Fuoco; Biancalunaneve; Samba Adriatica; Antidotum Impromptu; Rhapsody for Rach; The Decades.

Personnel

Roberto Esposito: pianoforte, tamburello in 10.

Album information

Title: The Decades | Year Released: 2014 | Record Label: Workin' Label

Post a comment about this album

Video

Tags

Shop Amazon

More

The 1959 Sessions
Stan Tracey Trio
Live 2020-2021
Bévort 3
Live at the Green Mill
Matt Ulery's Delicate Charms
Eternal Aporia
Ben Thomas (US)
Late Night
Sean Fyfe
Cajun Blue
Juliet Varnedoe
2 Blues For Cecil
Andrew Cyrille, William Parker & Enrico Rava

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.