Home » Articoli » Album Review

Silke Eberhard Trio: The Being Inn

By

Sign in to view read count
Silke Eberhard Trio: The Being Inn
Quarantacinque anni, tedesca di Heidenheim an der Brenz (ma ormai di stanza a Berlino), Silke Eberhard guida da alcuni anni il trio protagonista di questo album, diretto, corporeo, al cui interno il suo contralto (più di rado il clarone) si distende con estrema libertà, di misura e di dizione, con un senso della forma che definiremmo sostanzialmente veicolato al singolo episodio (e alcuni sono brevissimi, poco oltre il mezzo minuto) e il risultato, di conseguenza, che un disco senz'altro di lodevole fattura finisce via via per scorrere un po' prevedibile, scontato, lievemente schematico.

L'idioma è un free-bop—secondo una definizione che ebbe un certo seguito anni fa—non esageratamente spericolato (tutti della sassofonista i tredici brani in scaletta), forte di sonorità per lo più nette, anche acuminate, e un procedere d'insieme (generalmente a ranghi compatti) che ha momenti anche tumultuosi, tendenzialmente affermativi, estroversi ma senza eccessi. Da ricercare fra i brani dispari (l'iniziale "Ding Dong" e poi "Schlappen," "Kanon" e "8915") i momenti più significativi che il disco ci offre.

Track Listing

Ding Dong; Willisau Suite; Schlappen; Mininatür; Kanon; Towels; In Drei; Wake-Up Call; 8915; Schirm; Another Pint; Versteckter Kitsch; Last Order.

Personnel

Silke Eberhard: alto saxophone, bass clarinet; Jan Roder: bass; Kay Lübke: drums.

Album information

Title: The Being Inn | Year Released: 2017 | Record Label: Intakt Records

Post a comment about this album

Tags

More

Honoring Pat Martino, Volume 1
Alternative Guitar Summit
Full Circle
Gary Brumburgh
Brand New World Trio
David Murray, Brad Jones, Hamid Drake
'Flicted
Bruce Hornsby

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.