All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

The Auanders: Text(us)

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
The Auanders: Text(us)
Text(us) è un lavoro collettivo di alcuni tra i musicisti dell'ampio roster dell'etichetta Auand di Marco Valente, molti dei quali tra le migliori individualità del jazz italiano. L'album arriva a sette anni da Live in Pisa, firmato sempre da The Auanders, all'epoca però largamente diverso da quelli che confezionano questo nuovo lavoro, che vede in scena un tentetto ad assetto variabile, cui si aggiungono di brano in brano cinque ospiti. Le composizioni sono tutte di autori diversi, cosicché—pur conservando un'"aria di famiglia"—l'album attraversa scenari tra loro anche molto diversi.

Si inizia con "Eternal," cofirmato da Simone Graziano e Sara Battaglini che lo interpreta alla voce, brano che incede con un costante progressione e un ritmo secco, segnato dai fiati e alternato a pause sospensive. Si prosegue con "Ottimo!," di Francesco Ponticelli, che alterna atmosfere diverse—vorticose acidità elettroniche, passaggi da Big Band, momenti di jazz moderno scanditi dalla chitarra di Francesco Diodati e dal sax contralto di Michele Tino—mantenendo comunque sempre una stringente coerenza. Segue "Song to the Unborn," una composizione di Stefano Tamborrino, che come sempre riesce a sorprendere dal punto di vista sia compositivo—il brano nasce come un rock scuro per poi alleggerirsi e avvicinarsi al jazz e al pop—sia interpretativo—il batterista, voce principale, canta a là Tom Waits.

Il lavoro va avanti con due delle composizioni più complesse, "What Are You Sinking About," di Mirko Cisilino, e "Keep Your Ass Naked," di Stefano Risso. La prima è dominata dal clarinetto di Francesco Bearzatti e dalla batteria di Tamborrino, ma si apre poi dando spazio agli altri fiati e alla chitarra di Diodati, intrecciandone le voci in più modi, fino alla quieta conclusione. Il secondo si avvia come una complessa orchestra, offre un sipario colorato di elettronica, poi dà spazio ai singoli—su tutti Cisilino— cambiando ripetutamente scenari, con una complessità che ne fa forse il brano di maggior spicco dell'album.

Complesso e vario è anche "Fies," di Filippo Vignato—che ne interpreta anche una parte importante al trombone. Anche qui, si alternano scenari diversi, ora solistici, ora collettivi; notevole il finale lirico ed evocativo, con un bel mix di suoni acustici ed elettrici. L'album si chiude con le due composizioni più lunghe, oltre undici minuti ciascuna, rispettivamente di Stefano Calderano e di Diodati. La prima, "One Week," ha un inizio da contemporanea, con un addizionarsi di suoni in libertà che preludono all'ingresso di un tema cantabile e ritmato, la cui elaborazioni si sviluppa nel corso del brano prima collettivamente, poi individualmente—in particolare per opera del piano di Enrico Zanisi. La seconda, "The Boat," procede a lungo con un andamento notturno, tra il malinconico e l'evocativo, scandito dal pianoforte che si muove con libertà sullo sfondo dei fiati, quasi a evocare l'inoltrarsi nel mare della barca del titolo.

Da sottolineare il contributo poco protagonista dei fiati "scuri" di Beppe Scardino, Francesco Panconesi e Glauco Benedetti, e tuttavia molto importante per la riuscita di un lavoro corale e dal suono orchestrale—nel quale il buon amalgama dei fiati è decisivo—eccellente vetrina per una parte rilevante dell'attuale scena italiana del jazz.

Track Listing

Eternal; Ottimo!; Song to the Unborn; What Are You Sinking About; Keep Your Ass Naked; Fies; One Week; The Boat.

Personnel

Mirko Cisilino: trumpet; Michele Tino: saxophone, alto; Francesco Panconesi: saxophone, tenor; Beppe Scardino: saxophone, baritone; Filippo Vignato: trombone; Glauco Benedetti: tuba; Francesco Diodati: guitar; Enrico Zanisi: piano; Francesco Ponticelli: bass, acoustic; Stefano Tamborrino: drums.

Additional Instrumentation

Sara Battaglini: voice on #1, 3; Francesco Bearzatti: clarinet on #3, 4; Stefano Calderano: guitar on #7; Simone Graziano: Fender Rhodes on #1; Evita Polidoro: voice on #3.

Album information

Title: Text(us) | Year Released: 2020 | Record Label: Auand Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Wonderful World
Chris Standring
Hope
Tomas Liska & Invisible World
Zero Grasses: Ritual for The Losses
Jen Shyu and Jade Tongue
Aufbruch
J. Peter Schwalm & Markus Reuter
Purvs
Liudas Mockūnas / Arvydas Kazlauskas

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.