Home » Articoli » John Hollenbeck: Songs You Like a Lot

2
Album Review

John Hollenbeck: Songs You Like a Lot

By

Sign in to view read count
John Hollenbeck: Songs You Like a Lot
Con questo disco John Hollenbeck conclude la trilogia iniziata otto anni fa sulla reinterpretazione di famosi brani della popular music (Songs I Like A Lot, Sunnyside 2013) e proseguita due anni dopo con Songs We Like a Lot per la stessa etichetta.

Nel primo album la scelta dei temi era strettamente personale, nel secondo fu condivisa con alcuni partner (i cantanti Theo Bleckmann e Kate McGarry) ed ora nasce dalla selezione di proposte giunte all'arrangiatore dal suo pubblico. L'organico è sostanzialmente immutato: la Frankfurt Radio Big Band, i due vocalist citati e il pianista Gary Versace. Manca solo Uri Caine che affiancava Versace nel secondo capitolo.

Nelle note di copertina Hollenbeck ricapitola le fasi del progetto ricordando le domande di fondo: Cos'è l'arrangiamento? Perché arrangiare canzoni popolari? Il tema originale deve restare riconoscibile nell'arrangiamento? Cosa va lasciato intatto? E via discorrendo. Nel suo testo non mancano argute risposte che sollecitano gli ascoltatori a non avere attaccamento per le versioni originali ("per i buddisti il non attaccamento è la chiave della felicità. Un passo sulla strada per l'illuminazione!") ma più che lo scritto è la sua opera che offre tangibili risposte .

Risposte che confermano Hollenbeck come uno dei massimi arrangiatori contemporanei, un autore capace di rinnovare i brani senza stravolgerli, reinventando intere parti (dilatandole, privilegiandone alcuni aspetti ecc...) per ricomporne i frammenti in modo nuovo. Anche questo lavoro sono stati i testi delle canzoni a offrirgli le soluzioni più originali.

Prendiamo ad esempio "Knows Only God," ovvero la nota "God Only Know" dei Beach Boys. È uno degli arrangiamenti più fantasiosi del disco e si sviluppa a partire da un'iterata decostruzione ritmica con Bleckmann che scandisce parti del testo fino a sviluppane la fisionomia con il resto dell'ensemble. "Blue" di Joni Mitchell inizia con un libero confronto improvvisato tra il clarinetto di Oliver Leicht e l'organo di Gary Versace e fa emergere l'affascinante melodia dopo tre minuti, con Bleckmann sostenuto da un'orchestrazione cameristica.

Come acutamente notava Claude Levi-Strauss, il piacere della musica dipende dalle sottili sorprese che un'opera originale provoca in noi. In questi brani Hollenbeck è un maestro nel suscitare emozioni nuove senza stravolgere il nostro sistema di attese. Altro momento particolarmente fantasioso è "Don't Give Up" di Peter Gabriel che ripropone la bellezze del tema e il confronto vocale nella parte centrale, ritagliandosi piena libertà nell'introduzione e nella coda. Nel percorso c'è un brano non scelto dal pubblico ed è l'impressionistico "Kindness," scritto da Hollenbeck su un poema di Naomi Shiham Nye.

Album della settimana.

Track Listing

Down to the River to Pray; Blue; How Deep Is Your Love?; Fire and Rain; Don't Give Up; Kindness; Pure Imagination; Knows Only God (God Only Knows).

Personnel

John Hollenbeck: arranger; Heinz-Dieter Sauerborn: saxophone, alto; Oliver Leicht: clarinet; Ben Kraef: saxophone, tenor; Steffen Weber: saxophone, tenor; Rainer Heute: saxophone, baritone; Frank Wellert: trumpet; Thomas Vogel: trumpet; Martin Auer: trumpet; Axel Schlosser: trumpet; Christian Jaksjø: trumpet; Felix Fromm: trombone; Shannon Barnett: trombone; Martin Scales: guitar; Hans Glawischnig: bass; Jean Paul Höchstädter: drums; Claus Kiesselbach: percussion; Gary Versace: piano; Kate McGarry: voice / vocals; Theo Bleckmann: voice / vocals.

Additional Instrumentation

Manfred Honetschläger: bass trombone.

Album information

Title: Songs You Like a Lot | Year Released: 2020 | Record Label: Flexatonic Records label


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter Since 1995, shortly after the dawn of the internet, All About Jazz has been a champion of jazz, supporting it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

The Sound Of Listening
Mark Guiliana Jazz Quartet
At The Royal Albert Hall
Creedence Clearwater Revival
Two Centuries
Qasim Naqvi / Wadada Leo Smith / Andrew Cyrille

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.