All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Eric Revis: Slipknots Through a Looking Glass

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Eric Revis: Slipknots Through a Looking Glass
Eccola la nuova formazione del contrabbassista Eric Revis, un incontro di storici collaboratori che promette meraviglie. Al quartetto che licenziò nel 2014 In the Memory of Things Yet Seen si aggiunge la pianista Kris Davis già presente nel precedente City of Asylum e nel successivo Sing Me Some Cry (tutti per Clean Feed) e il cerchio si chiude.

Il percorso di Revis parte da lontano, l'esperienza iniziale con Betty Carter, la lunga permanenza nel quartetto di Branford Marsalis, l'incontro decisivo con Steve Coleman. Da lì, con le pubblicazioni per l'etichetta portoghese e la leadership di varie formazioni, prende avvio la ricerca di una estetica personale fondata su forme e canoni ben definiti ma progressivamente indirizzata a rivitalizzare e aggiornare il linguaggio del jazz contemporaneo. Niente di rivoluzionario, ben inteso, ma la dimostrazione di come una mente aperta, dal solido pensiero, dalla consistente vena creativa soggetta a influenze e sollecitazioni diversificate—su tutte la scena free di Chicago—possa diventare una figura importante della comunità jazzistica.

E Slipknots Through a Looking Glass, pubblicato dalla sempre più lanciata Pyroclastic Records—etichetta fondata da Kris Davis—, mantiene le meraviglie promesse, attraverso otto composizioni e tre brevi improvvisazioni in contrabbasso solo che rappresentano al meglio la visione musicale variegata ma fortemente coesa del leader. Dalle pulsazioni metropolitane dell'iniziale «Baby Renfro»—andamento nervoso e frammentato, unisoni sghembi, ossessivi riff melodici—alle evocative atmosfere di «Spae», dove convergono ritmi africani e suggestioni contemporanee. Dagli avvolgenti richiami notturni di «Earl & the Three-Fifths Compromise» alla frenetica «Shutter» dove si scatenano i due fiati. Passando per «Probyte» e «When I Become Nothing», ballad atipiche, la prima con un gran lavoro di sax contralto e sax tenore nel definire i contorni timbrici, la seconda più canonica, ricca di pathos con uno splendido finale sospeso.

Se «House of Leaves» è metafisica nei suoi toni rarefatti attraversati da improvvise, minime deflagrazioni che si stabilizzano in accattivanti groove, «Vimen», con i suoi undici minuti abbondanti è il brano più lungo, più libero, più destrutturato, dove l'intero quintetto si esprime ai massimi livelli di creatività e di comunicazione. Il contrabbasso del leader è una delizia per le orecchie, suono scuro, ancestrale, dinamico, oltre che guida sicura per le evoluzioni del gruppo, nel quale l'originalità delle singole voci si trasforma in valore aggiunto per il respiro collettivo dell'ensemble.

Album della settimana.

Track Listing

Baby Renfro; SpAE; Earl & the Three-Fifths Compromise; Slipknots Through a Looking Glass, Part 1; Shutter; ProByte; Slipknots Through a Looking Glass, Part 2; House of Leaves; When I Become Nothing; Vimen; Slipknots Through a Looking Glass, Part 3.

Personnel

Eric Revis: bass; Kris Davis: piano; Bill McHenry: saxophone, tenor; Darius Jones: saxophone, alto; Chad Taylor: drums; Justin Faulkner: drums.

Album information

Title: Slipknots Through a Looking Glass | Year Released: 2020 | Record Label: Pyroclastic Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read When You Find It
When You Find It
Arthur White and Merge
Read Rainbow Baby
Rainbow Baby
Cathlene Pineda
Read An Open Dialogue
An Open Dialogue
Linda Sikhakhane
Read Rah! Rah!
Rah! Rah!
The Claire Daly Band
Read Artlessly Falling
Artlessly Falling
Mary Halvorson's Code Girl
Read Hi-Fly
Hi-Fly
Howard University Jazz Ensemble
Read And Then It Rained
And Then It Rained
The Michael O'Neill Quartet

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.