Home » Articoli » Lisa Maxwell's Jazz Orchestra: Shiny!

1

Album Review

Lisa Maxwell's Jazz Orchestra: Shiny!

By

Sign in to view read count
Lisa Maxwell's Jazz Orchestra: Shiny!
Esce in questi giorni, dopo una lunga gestazione, il debutto da leader di Lisa Maxwell, talentosa compositrice e arrangiatrice nota nell'ambiente del jazz statunitense e negli studios di registrazione. Lisa ha orchestrato e diretto colonne sonore per film e serie televisive, collaborato anche come sassofonista con gruppi rock (Guns 'n' Roses, Lenny Kravitz, Carole King), jazz (Gil Evans, Charlie Haden) e fusion (Hiram Bullock, Will Lee).

Amica di Lew Soloff dai tempi in cui il trombettista suonava con Gil Evans allo Sweet Basil, Lisa ha coinvolto alcuni suoi partner e il meglio della scena mainstream e fusion di New York per realizzare quest'elettrizzante dedica. Il cast dei musicisti coinvolti è ricco. Il primo nome che ha accettato di partecipare è stato Randy Brecker e via via si sono aggiunti John Clark, Mark Egan, Mike Stern, Tom Malone, Dave Taylor, Paul Shaffer, Lou Marini, Danny Gottlieb, Leni Stern, Will Lee, Ada Rovatti, Kenya Hathaway e altri.

Con jazzmen di tale valore e le variopinte orchestrazioni di Lisa, il risultato non poteva che essere suggestivo. Il clima è orgogliosamente straight-ahead con deliziosi riferimenti alla stagione elettrica di Gil Evans e accattivanti echi retrò: ci riferiamo al sound orchestrale usato negli anni sessanta/settanta nelle colonne sonore di film e telefilm. "Sono essenzialmente il fondamento della mia identità culturale—dice Lisa Maxwell—Grandi compositori come Lalo Schifrin, Henry Mancini, Neal Hefti e Earle Hegen hanno sottolineato la mia adolescenza."

Il percorso è caratterizzato da ritmi serrati e arrangiamenti ricchi di svolte e colori. Il brano che dà il titolo all'album (in due versioni) è una composizione della Maxwell davvero emblematica della sua formazione: un tema che sembra sbalzato fuori dal soundtrack di detective-film (o serie) come Madigan e Shaft. In altri momenti l'accento è più jazzistico e qui i riferimenti a Gil Evans non mancano. Tra i più riusciti c'è la versione del classico "Israel" di Johnny Carisi, illuminato dai ricchi assoli di John Clark al corno, Roger Rosenberg al baritono e Randy Brecker alla tromba.

Altre volte il clima è fusion ("Son of Creeper"), prettamente modern-mainstream ("Hello, Wayne?") o swingante anni quaranta, come in "The Craw." Tutte le composizioni prevedono ampi spazi per i solisti e in alcune il connubio è particolarmente riuscito. Pensiamo al delizioso incedere di "Ludie," un jazz-waltz con i lunghi interventi di Brecker al flicorno e Carmen Staaf al pianoforte. Concludiamo segnalando la bella riscrittura di "We'll Be Together Again," con la voce di Kenya Hathaway e il pregevole intervento di Lou Marini al tenore.

Track Listing

Shiny!; Son of Creeper; Ludie; We'll Be Together Again; Hello, Wayne?; Beauty and the Beast; Israel; The Craw; Shiny!; Remix (feat. Mocean Worker).

Personnel

Randy Brecker: Trumpet, Tony Kadleck: Trumpet, Chris Rogers: Trumpet, Wayne J. Du Maine: Trumpet, Bryan Davis: Trumpet, Dan Levine: Trombone, Tom "Bones" Malone: Trombone, Michael Davis: Trombone, Dave Taylor: Bass Trombone, John Clark: French Horn, Lawrence Feldman: Woodwinds, Alex Foster: Woodwinds, Lou Marini: Woodwinds, Ada Rovatti: Woodwinds, David Mann: Woodwinds, Roger Rosenberg: Woodwinds, Claire Daly: Baritone Sax, Mike Stern: Guitar, Oz Noy: Guitar, Smokey Hormel: Guitar, Leni Stern: Guitar, Will Lee: Bass, Percussion and Vocals, Mark Egan: Bass, David Finck: Upright Bass, Paul Shaffer: Fender Rhodes and B3 Organ, Pete Levin: Keyboards, David Delhomme: Keyboads, Andy Ezrin: Piano, Carmen Staaf: Piano, Beth Gottlieb: Vibraphone, Daniel Sadownick: Tambourine, Danny Gottlieb: Drums, Ben Perowsky: Drums, Steven Wolf: Drums, Kenya Hathaway: Vocals.

Album information

Title: Shiny! | Year Released: 2019 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Voices: A Musical Heritage
Winnipeg Jazz Orchestra
Calasanitus
Leon Foster Thomas
Playing With Standards
Seppe Gebruers

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.