Learn How

We need your help in 2018

Support All About Jazz All About Jazz is looking for 1,000 backers to help fund our 2018 projects that directly support jazz. You can make this happen by purchasing ad space or by making a donation to our fund drive. In addition to completing every project (listed here), we'll also hide all Google ads and present exclusive content for a full year!

0

Reinier Baas e Ben van Gelder alla Sala Vanni di Firenze

Reinier Baas e Ben van Gelder alla Sala Vanni di Firenze
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Reiner Baas e Ben van Gelder
Musicus Concentus -A Jazz Supreme
Sala Vanni
Firenze
3.11.2017

Concerto in Sala Vanni per due giovani olandesi e promesse del jazz europeo, il chitarrista Reinier Baas e l'altosassofonista Ben van Gelder, introdotti peraltro da tre brani originali di un ottetto nostrano composto da musicisti ancor più giovani, capitanati dalla cantante Francesca Gaza.

Entrambi compositori, cresciuti nell'ambiente musicale di Amsterdam e poi perfezionatisi a New York, classe 1985 il chitarrista e 1988 il sassofonista, i due suonano spesso assieme sia in coppia come a Firenze, sia all'interno di organici più ampi. La cifra del loro duo è difficile da etichettare: basato su un repertorio di musiche originali più qualche standard (su tutti il "Body and Soul" del bis), vede affiancarsi forme espressive contemporanee ad altre più tradizionali, per certi aspetti quasi vintage.

Appartengono alle prime il flusso sonoro piuttosto articolato, complesso e a tratti trscinante che compone la struttura dei brani, la spigliata energia di Baas alla chitarra e il suono di van Gelder al sax; appartengono invece alle seconde il modo di sviluppare i fraseggi, che rimanda per l'uno a Jim Hall e per l'altro a Lee Konitz (che è peraltro stato suo maestro), l'impiego pressoché costante del plettro da parte di Baas e la rilassatezza di van Gelder -tutti aspetti che sono emersi pienamente nel bis ma che si leggevano in filigrana anche nelle composizioni originali.

Questo curioso mix, unito a una loro innegabile abilità ai rispettivi strumenti, ha permesso ai due musicisti da un lato, appunto, di presentare una proposta artistica piuttosto personale, dall'altro di trasmettere grande freschezza e vitalità: l'energia, il continuo scambio delle parti reso vivacissimo da una divertita complicità, il modo diretto con il quale i due si relazionavano anche al pubblico sono stati elementi decisivi per la buona riuscita del concerto.

Una nota sul pubblico, da tempo ormai nota dolente degli spettacoli jazzistici: pur non essendo foltissimo, era in larga misura inconsueto e particolarmente giovane. Se questo dipenda dalla presenza introduttiva dell'ottetto di giovani musicisti perlopiù locali, dalla giovane età del duo olandese e dalla curiosità di conoscerli o se sia il segno di un cambiamento più generale non è dato sapere: resta il fatto che, in sé, si tratta di una buona notizia.

Foto: Eleonora Birardi

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read "CEO Experiment With Kurt Rosenwinkel at The Sugar Club" Live Reviews CEO Experiment With Kurt Rosenwinkel at The Sugar Club
by Ian Patterson
Published: October 11, 2017
Read "ELBJAZZ 2017" Live Reviews ELBJAZZ 2017
by Ian Patterson
Published: June 15, 2017
Read "Arturo Sandoval at the Blue Note" Live Reviews Arturo Sandoval at the Blue Note
by Nicholas F. Mondello
Published: October 30, 2017
Read "Brilliant Corners 2017" Live Reviews Brilliant Corners 2017
by Ian Patterson
Published: March 27, 2017

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!