Home » Articoli » Ross Hammond: Our Place On The Wheel

Album Review

Ross Hammond: Our Place On The Wheel

By

Sign in to view read count
Ross Hammond: Our Place On The Wheel
Dopo alcuni anni di gavetta come chitarrista e improvvisatore jazz, il chitarrista Ross Hammond ha deciso di dedicarsi prevalentemente a un genere identificabile come American Primitive Guitar, termine inizialmente introdotto da John Fahey per indicare uno stile che ha le sue radici nella tradizione country e blues, mescolata con materiale non tradizionale di diversa estrazione, come la musica classica europea e i raga indiani, ma seguendo sempre un approccio spontaneo e non accademico (da qui deriva il termine Primitive). Lo strumento principale sul quale Hammond ha concentrato la sua attività negli ultimi anni è la steel guitar, o chitarra resofonica, suonata con tecnica slide, protagonista di alcuni capolavori come Flight e Follow Your Heart insieme alla chitarra 12-corde. I suoi lavori sono pubblicati in formato digitale nella sua pagina sulla piattaforma Bandcamp, dove spesso rende disponibili singole tracce, mentre alcuni sono disponibili anche in formato CD-r e in vinile, in edizioni autoprodotte a tiratura limitata. È possibile anche attivare un abbonamento annuale che da diritto all'accesso a tutto il catalogo digitale del chitarrista, oltre ad alcuni brani esclusivi.

Hammond suona spesso in duo con altri musicisti, in maggioranza percussionisti, ma anche con voce e fiati. Più rare sono le occasioni in trio, come questa a cui partecipano il sassofonista Oliver Lake e il batterista Mike Pride, pubblicata all'inizio dello scorso anno. È un disco di blues, ma naturalmente non in senso tradizionale. Se le atmosfere e le immagini evocate dalla chitarra slide di Hammond sono quelle tipiche del blues rurale, radicate nell'immaginario collettivo attraverso tanto cinema americano on the road, la musica non ne segue lo schema tipico di tre accordi su dodici battute, ma rimane sospesa e indeterminata, generando nell'ascoltatore un senso di attesa che lo attira dentro i suoni e costituisce il fascino principale di questa musica ipnotica. Si tratta a tutti gli effetti di un blues modale, più vicino alla musica indiana anche per l'uso costante di un drone. La chitarra è naturalmente al centro della musica, ben sostenuta dalla batteria di Mike Pride che riesce nel non facile compito di accompagnare senza soffocare un tipo di musica per la quale delle tabla sarebbero più appropriate. Al contrario, la presenza del sax alto di Lake risulta un po' fuori posto, spesso limitandosi a emettere di tanto in tanto suoni striduli, ma senza una vera partecipazione attiva allo sviluppo e alla creazione delle atmosfere musicali.

Il disco rimane comunque un buon esempio del lavoro di Hammond, chitarrista originalissimo nel panorama attuale, e sempre interessante alla slide. Tra le sei tracce presenti sul CD (ma l'album digitale su Bandcamp ne contiene altri due), tutti molto simili come impostazione, segnaliamo la title track, dove la presenza di Lake trova un senso, e la lunga e conclusiva "Gratitude," rimandando ai due album sopra citati chi volesse approfondire la conoscenza del musicista.

Track Listing

Low Rent; Mosaic; Use Them Wisely; We’re Well Into The Fall; Our Place On The Wheel; Gratitude.

Personnel

Ross Hammond: guitar.

Additional Instrumentation

Ross Hammond: steel guitar; Oliver Lake: alto saxophone; Mike Pride: percussion.

Album information

Title: Our Place On The Wheel | Year Released: 2020 | Record Label: Prescott Recordings

Post a comment about this album

Tags

More

Brooklyn Calling
Stan Killian
Andromeda's Mystery
Doruzka Wylzot Ballard
Boiling Point
Gordon Grdina's Nomad Trio

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.