Home » Articoli » Album Review » Matching Mole: On The Radio (A BBC Recording)

1

Matching Mole: On The Radio (A BBC Recording)

By

Sign in to view read count
Matching Mole: On The Radio (A BBC Recording)
Le gemme nascoste negli archivi della BBC continuano a stupirci. E in questo caso sono davvero gemme di primissima qualità.

I Matching Mole guidati da Robert Wyatt dimostrano di essere in gran spolvero in questi concerti radiofonici registrati fra metà gennaio e fine luglio del 1972 per quattro sedute coordinate principalmente dal mitico dj inglese John Peel.

La formazione alterna il quartetto - con Robert Wyatt alla voce e alla batteria, Dave McRae al piano elettrico Fender Rhodes, Phil Miller alla chitarra elettrica e Bill McCormick al basso elettrico - al quintetto, che vede impegnati gli stessi musicisti con l’aggiunta di Dave Sinclair all’organo Hammond. Quest’ultima formazione era all’opera nella seduta iniziale del 17 gennaio 1972 che produsse “Part of the Dance” e “Immediate Kitten”, mentre il quartetto è attivo nelle sedute successive.

Il materiale era già stato in gran parte pubblicato in passato ma era da tempo fuori catalogo e comunque i brani inediti sono talmente interessanti da giustificare l’acquisto di questo CD anche da parte di chi è già in possesso dei brani precedentemente editi. In particolar modo va segnalata la medley iniziale di oltre venti minuti. I tre brani legati assieme godono di un’ottima presa di suono stereofonica e la band è in grandissima forma. I temi occhieggiano all’interno di un continuum improvvisativo che comunica un mood di base dolce e riflessivo, con l’ispirazione sempre pronta a muoversi con piccoli singulti che spostano in avanti le cose. La chitarra di Phil Miller sa integrarsi alla perfezione col sontuoso piano elettrico di Dave McRae. La flessibilità ritmica di Wyatt e McCormick è un perfetto contrappasso per le escursione melodiche del pianista e del chitarrista. In realtà si potrebbe dire che per buona parte del tempo i musicisti sembrano impegnati in assoli paralleli che magicamente si fondono e si integrano senza mai far precipitare l’amalgama nel caos e nel solipsismo.

La band sa modificare con grande gusto e capacità di visione le accattivanti intuizioni melodiche che contraddistinguono i pezzi scritti a Wyatt e dagli altri membri del gruppo e i brani vengono dilatati e reinventati ogni volta che vengono interpretati. Il tocco sopraffino di Dave McRae è certamente una delle armi segrete di questo piccolo ensemble e lo stesso Wyatt lo riconosce senza alcuna remora o gelosia in una intervista del 1971 a Richard Williams, per Melody Maker, della quale è riportato un piccolo stralcio nel bel libretto che accompagna questo album.

Gli album in studio dei Matching Mole erano perle meravigliose rese ancora più surreali da una tecnica di registrazione un po’ approssimativa che stranamente riusciva a rendere le cose ancora più affascinanti, un po’ come succedeva con l’album Third dei Soft Machine o con gli album Emergency e Turn It Over del Tony Williams Lifetime. In questo On the Radio la musica dei Matching Mole appare magicamente straniata come se improvvisamente ci capitasse di vedere senza veli una bellissima diafana fanciulla che eravamo abituati ad ammirare da lontano, misteriosamente ricoperta da broccati e tele drappeggiate. Per fortuna tolto il velo la magia non svanisce e ci possiamo godere mille dettagli in più.

Track Listing

01. Medley: Marchides, Instant Pussy, Smoke Signal; 02. Part of the Dance; 03. No 'alf Measures; 04. Lithing and Gracing; 05. Immediate Kitten; 06. Instant Pussy; 07. Lithing and Gracing; 08. Marchides; 09. Part of the Dance; 10. Brandy as in Benj

Personnel

Phil Miller
guitar

Dave MacRae (piano elettrico); Phil Miller (chitarra elettrica); Bill McCormick (basso elettrico); Robert Wyatt (voce, batteria); Dave Sinclair (organo Hammond nei brani 2 e 5)

Album information

Title: On The Radio (A BBC Recording) | Year Released: 2007 | Record Label: Hux Records

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

É Pra Jazz
Henrique Mota Trio
The Other Side
Peter DiCarlo
Being Human
Lynne Arriale
Being
Chris Rottmayer

Popular

Jazz Hands
Bob James
Esengo
London Afrobeat Collective
Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.