All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Iconoclast: Naked Rapture

Claudio Bonomi By

Sign in to view read count
Se state per partire per le vacanze e volete portarvi dietro qualcosa di veramente forte e amate Frank Zappa, John Zorn e i Lounge Lizards allora gli Iconoclast fanno per voi.

Questo bizzarro e folle duo newyorchese formato da Julie Joslyn (sax alto, violino, voce, elettronica) e da Leo Ciesa (batteria, percussioni, tastiere e voce) ha appena dato alle stampe per la gloriosa e coraggiosa Fang Records il suo nono album, incluso il primo lavoro autoprodotto Sins of New York pubblicato su cassetta nel 1989.

Si tratta di Naked Rapture e siamo di fronte all'ennesima miscela di jazz hardcore, o meglio, parafrasando il titolo di un loro album del 2010, di dirty jazz ad altissimo volume: un muro del suono spiazzante che arriva a colpire padiglioni auricolari e centri nervosi dell'ascoltatore come un Frecciarossa lanciato ad oltre i 300 km/h. Una musica spigolosa, angolare e molto inquieta dalle forti connotazioni metropolitane, sarebbe una colonna sonora perfetta per un documentario underground su New York, che ha nel suo DNA tutta l'energia primordiale e rigeneratrice del punk.

Le 25 tracce contenute in Naked Rapture sono infatti schegge impazzite di un repertorio che va oltre generi e stili con i due newyorchesi che si cimentano anche alla voce in performance originali e, a volte, iperboliche. Come quella in stile Tom Waits di John Ciesa nella inquieta "When I'm Gone" o quella, ancora più destabilizzante, di Julie Joslyn in "Five Finger Bruised" che ricorda certe situazioni al confine con il death metal. Non mancano due personalissime rivisitazioni in chiave strumentale di due superclassici: "A Night in Tunisia" di Dizzy Gillespie e Frank Paparelli e il "Revolutionary Etude" di Frederic Chopin.

Un disco per militanti dell'alternativa.

Track Listing

How Fast Is Evil?; Citizens of Passion; Five Finger Bruise; The Ruin of the Pure; Fifteen Vestal Virgins; Lonely for Long; A Night in Tunisia; Thunder; Haze; Birth; The Naked Flame; People Should...; When I'm Gone; Fragile Summer; Scrape; Hail; Pit Stop; A Decisive Little Habit; Saucy March; Broadwalk Conversation; Think About My Mind; The Master Fader, Melancholy Rumors; No Time to Feel Good; Revolutionary Etude.

Personnel

Julie Joslyn: sax alto, violino, elettronica, percussioni, voce; Leo Ciesa: batteria, tastiere, voce.

Album information

Title: Naked Rapture | Year Released: 2014 | Record Label: Fang Records

Watch

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and through our retail affiliations you'll support us in the process.


MUSICSTACK

Rare vinyl LPs and CDs from over 1,000 independent sellers

AMAZON

CDs, Vinyl, Blu-Ray DVDS, Prime membership, Alexa, SONOS and more

HD TRACKS

Specializing in high resolution and CD-quality downloads

CD UNIVERSE

Specializing in music, movies and video games

REVERB

Marketplace for new, used, and vintage instruments and gear

More

Read Bluebeard
Bluebeard
Yuri Honing Acoustic Quartet
Read Battle Lines
Battle Lines
Steve Fidyk
Read Calling
Calling
Anansi Trio
Read That Time
That Time
London Jazz Composers Orchestra
Read Day By Day
Day By Day
Cory Weeds
Read Silver Dollar
Silver Dollar
Jason Stein
Read Four Questions
Four Questions
Arturo O'Farrill and the Afro Latin Jazz Orchestra