Home » Articoli » Album Review » Jean Claude Jones & Kadima Collective: Myelination

Jean Claude Jones & Kadima Collective: Myelination

By

Sign in to view read count
Jean Claude Jones & Kadima Collective: Myelination
Questo intrigante e inedito progetto realizzato dal contrabbassista Jean Claude Jones con il Kadima Collective parte dalla diagnosi di sclerosi multipla che il musicista di origine tunisina si sentì comunicare nel lontano 1999. Insieme all'amico e chimico Andy Shipway, Jones decide di documentare i suoni generati dalle vibrazioni della guaina mielinica, struttura multilamellare con funzioni isolanti del sistema nervoso, la cui degenerazione è la principale causa della sclerosi multipla.

In una sorta di viaggio della consapevolezza e dell'accettazione Jones convoca otto musicisti della scena creativa israeliana e, registrandoli separatamente senza possibilità di reciproco ascolto, li sollecita a comporre spontaneamente sul suono proveniente dalla rete dei nervi del corpo umano. Il risultato è perlomeno affascinante, un viaggio all'interno del corpo e della mente nel quale gli strumenti a disposizione dei musicisti abbandonano la loro funzione primaria per trasformarsi in vibrazioni reattive ad altre vibrazioni, anche se di origine chimica.

Prendete "Inducing One," il contrabbasso di Jones sollecitato dal bordone sonoro mielinico diventa a sua volta organismo vivente, agglomerato di cellule e di nervi che (re)agisce come parte di una reazione chimica incontrollabile. Oppure "J.C. Remix" dove l'ensemble al completo con sassofoni, clarinetti e percussioni crea una vera e propria sinfonia del corpo, colto nei suoi momenti di riposo e di meditazione come nelle situazioni di fervida e dinamica attività.

In "Voices" Yael Tai reagisce al suono degli aminoacidi sparando a raffica vocalizzi che arrivano non solo dal profondo del cuore ma anche dallo stomaco, dai muscoli, dalla pelle, con le corde vocali in vibrazione multipla e primordiale. Nel conclusivo "Underskin Orchestra" Jake Marmer declama un poema che parla di acidi e aminoacidi, di pelle e di saliva, di respiro e di vecchio testamento, un inno terapeutico alla vita e alla speranza.

Track Listing

01. 18 aas; 02. Inducing one; 03. JC's remix: 04. 18 aas; 05. Voices; 06. AriHag; 07. 18 aas; 08. Inducing two; 09. Underskin Orchestra.

Personnel

Harold Rubin
clarinet

JC Jones (basso); Harold Rubin (clarinetto, voce); Steven Horenstein (sax baritono); Yoni Silver (clarinetto basso); Ariel Shibolet (sax soprano); Yael Tai (voce); Haggai Fershtman (percussioni); Jake Manner (jazz poet).

Album information

Title: Myelination | Year Released: 2012 | Record Label: Kadima Collective

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet
Korean Fantasy
Kim Dae Hwan / Choi Sun Bae
Verbs
Simon Nabatov 3 + 2

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.