All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

0

Pasquale Mirra: Moderatamente Solo

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Ultima uscita in ordine di tempo dell'etichetta Fonterossa di Silvia Bolognesi (che ce ne parlava nell'intervista che le abbiamo fatto recentemente ), Moderatamente Solo di Pasquale Mirra è un rarissimo esempio di album per solo vibrafono. Registrato dal vivo nel 2016 al Fonterossa Day #2 di Pisa, è dedicato dal suo autore ai propri genitori. Sebbene privo di una soluzione di continuità, i dieci "istanti" in cui è idealmente suddiviso rappresentano le tappe di un viaggio interiore, nella memoria, che per ammissione dell'autore ha per lui un fortissimo impatto: "la sensazione è magica, le emozioni inspiegabili," scrive infatti nel libretto.

Sensazioni ed emozioni che Mirra riesce a trasmettere all'ascoltatore di un disco che non toglie niente all'esperienza del concerto dal vivo, anzi -probabilmente in virtù alla maggiore attenzione che permette la riproduzione casalinga -forse ne aumenta il pathos. E ciò grazie a un avvio fatto di suoni eterei, ottenuti con l'uso di un archetto sullo strumento o su altri oggetti metallici, e poi di piccole percussioni; a un proseguimento di volta in volta diverso, tutto di musica originale, che rimane tale anche ove gli spunti sono omaggi ai musicisti che li hanno dettati, come Karl Berger ed Ed Blackwell, Charles Mingus, Herbie Nichols e Don Cherry; e a una conclusione estatica, in dissolvenza, che lascia l'ascoltatore nello stato indicato dal suo titolo: "Happiness."

La magia poggia di fatto sull'accurata ricerca dei suoni, che permette di sfruttare al meglio la suggestione prodotta dalle eco scintillanti del vibrafono, il contrasto con le altre percussioni, l'evocatività dei suoni prodotti con l'arco. Ma si basa anche sulla fantasiosa inventiva di Mirra, sulla sua capacità di passare da momenti di intensa e velocissima comunicazione sonora ad altri di sospensione prossima al silenzio, dalla inquieta ricerca che conduce incessantemente, anche quando i suoni vengono reiterati e ribattuti o sospesi e ampliati dalle pause -sempre gestendo comunque lo sviluppo drammaturgico della musica in modo mirabile.

Quarantadue minuti da ascoltare in modo quasi sacrale, prendendosi solo il tempo per farlo, giacché l'attenzione non serve: quella, la musica la cattura da sola.

Track Listing: Start; From Just Play; To MY Parents; Thinking Charles; Istante 5; 2300 Skidoo; Perché parli mentre suono?; To Hamid Drake; Togo; Happiness.

Personnel: Pasquale Mirra: vibes, percussions.

Title: Moderatamente Solo | Year Released: 2017 | Record Label: Fonterossa Records

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Walk The Walk CD/LP/Track Review
Walk The Walk
by Mark Sullivan
Published: May 21, 2018
Read Vol II CD/LP/Track Review
Vol II
by Geno Thackara
Published: May 21, 2018
Read Months, Weeks and Days CD/LP/Track Review
Months, Weeks and Days
by Glenn Astarita
Published: May 21, 2018
Read Space Is The Place CD/LP/Track Review
Space Is The Place
by James Fleming
Published: May 21, 2018
Read Poetry in Motion CD/LP/Track Review
Poetry in Motion
by Liz Goodwin
Published: May 21, 2018
Read Murals CD/LP/Track Review
Murals
by Dan McClenaghan
Published: May 20, 2018
Read "Solo a Genova" CD/LP/Track Review Solo a Genova
by Dan McClenaghan
Published: January 18, 2018
Read "Of Light and Shadows" CD/LP/Track Review Of Light and Shadows
by Phillip Woolever
Published: December 9, 2017
Read "UpRoot" CD/LP/Track Review UpRoot
by John Sharpe
Published: May 4, 2018
Read "Bright Force" CD/LP/Track Review Bright Force
by Karl Ackermann
Published: April 20, 2018
Read "Mikrojazz!: Neue Expressionistische Musik" CD/LP/Track Review Mikrojazz!: Neue Expressionistische Musik
by Doug Collette
Published: October 1, 2017
Read "Lavaman" CD/LP/Track Review Lavaman
by Mark Corroto
Published: December 13, 2017