1

Melodic Art-Tet: Melodic Art-Tet

Alberto Bazzurro BY

Sign in to view read count
Melodic Art-Tet: Melodic Art-Tet
Su doppio LP (tirato in 400 esemplari) o singolo CD (di quasi ottanta minuti), la benemerita etichetta lituana NoBusiness Records porta alla luce un altro reperto d'epoca, in questo caso, oltre tutto, riguardante una formazione altrimenti inedita su disco. Si tratta del Melodic Art-Tet, prodotto abbastanza tipico del cosiddetto loft jazz, colto in una registrazione radiofonica alla newyorkese WKCR, la radio della Columbia University, il 15 ottobre 1974.

Salta subito all'occhio la presenza di un ventiduenne William Parker, anche se la principale mente del quintetto è il sassofonista Charles Brackeen, coetaneo o giù di lì (1940) dei vari membri dell'Art Ensemble Of Chicago, la cui linea estetica in qualche misura riecheggia (per comunanza d'intenti più che per influenza diretta, si direbbe), in un clima che—specie nel brano iniziale—definiremmo post-ayleriano, in un afflato di panafricanismo all'epoca particolarmente sentito.

Rispetto ai colleghi chicagoani, il MAT sposa una linea più monolitica (di certo non altrettanto vorace sul piano polistrumentale, anche perché Brackeen—all'epoca marito della pianista JoAnne Brackeen—dedica quasi tutte le sue cure al sax tenore), cosa che si riflette sulla resa della musica globalmente intesa (già non troppo ben servita in quanto a presa di suono). Ciò non impedisce al lavoro di imporsi al di là della pura sfera documentaristica: vi si respira un'aria estremamente partecipativa, vorace, corporea ma non a senso unico, ritmicamente piena e ammantata di un ritualismo a sua volta tipico dei tempi (Frank Lowe, Frank Wright, Kalaparush Maurice McIntyre, l'Ethnic Heritage Ensemble sono altri nomi che vengono in mente di fronte a una musica come questa).

La durata dei brani spazia dai 12' alla mezz'ora (il terzo episodio, in versione LP scorporato tra facciata 3 e 4), con qualche inevitabile lungaggine, ma—ripetiamo—sempre con la sensazione di trovarsi di fronte a una musica pulsante, viva, attraversata da quella che si suol definire "urgenza espressiva."

Documento assolutamente meritorio.

Track Listing

Before Heaven and Earth and the World - Face of the Deep; Above the Cross - My Divine; Time and Money - Yamaca - Open - Pit Chena - In the Chapel - With Cheer; Redemption - Consecration.

Personnel

Ahmed Abdullah: tromba; Charles Brackeen: sax tenore e soprano, flauto; William Parker: contrabbasso; Roger Blank: batteria; Tony Waters (Ramadan Mumeen): percussioni.

Album information

Title: Melodic Art-Tet | Year Released: 2014 | Record Label: NoBusiness Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Wandersphere
Stephan Crump
This Land
Theo Bleckmann & The Westerlies
Trust Me
Gerry Eastman Trio
Pittsburgh
Matthew Stevens
Wandersphere
Borderlands Trio: Stephan Crump / Kris Davis /...
Kinds of Love
Renee Rosnes

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.