Home » Articoli » Album Review » Alexandre Pierrepont - Mike Ladd: Maison Hantée

Alexandre Pierrepont - Mike Ladd: Maison Hantée

By

View read count
Alexandre Pierrepont - Mike Ladd: Maison Hantée
Si muove tra jazz e poesia il progetto Maison Hantée dello scrittore, critico musicale e produttore francese Alexandre Pierrepont assieme a uno dei produttori hip-hop più trasversali, Mike Ladd: a partire dai testi dei due autori, il progetto viene così costruito con una serie di improvvisazioni affidate [ma spesso registrate a parte] a uno stuolo di musicisti tra cui fissi gli insuperabili William Parker e Hamid Drake e inoltre varie apparizioni di Thurston Moore, Rob Mazurek, Roscoe Mitchell, David Murray, Evan Parker, Craig Taborn e molti altri.

Come nota giustamente Henry Threadgill nelle note di copertina, la molteplicità di livelli e di significati, sia linguistici che musicali, sposta il fuoco della questione all'esperienza individuale di chi ascolta, che tanto maggiormente apprezzerà questo progetto quanto maggiori siano gli strumenti in proprio possesso, sia in termini di conoscenza della lingua dei due autori (i testi sono comunque riportati nel booklet), che in termini di sensibilità complessiva verso la poesia.

I pregi dell'incrociarsi di poesia e musica, specialmente quando i musicisti coinvolti sono ad alto tasso creativo, sono molti e Maison Hantée ne ha diversi, tra i quali una costante atmosfera di allucinata tensione che - nell'alternarsi della densità sonora - avvolge l'ascoltatore, specialmente quello che si faccia sedurre dal suono delle parole, indipendentemente dal significato.

Rimane però una fondamentale disomogeneità di fondo e una leggera patina di intellettualismo che può anche essere inevitabile in operazioni così ambiziose e complesse, ma che riesce a raffreddare un po' troppo i passaggi più noiosi. Consigliamo dunque, in tutta onestà e con il massimo rispetto, questo disco agli ascoltatori già attenti al rapporto tra poesia e improvvisazione.

Track Listing

01. Hall; 02. Chamber 12; 03. Chamber 3; 04. Chamber 8; 05. Chamber 73; 06. Chamber 22; 07. Antechamber; 08. Chamber 20; 09. Chamber 72; 10. Chamber 8; 11. Chamber 2; 12. Chamber 21; 13. Corridor.

Personnel

Mike Ladd
synthesizer

Mike Ladd, Alexandre Pierrepont (voce, parole e visioni, sound design); Gymkhana (sound manipulator); Stéphane Gombert (voce); William Parker (contrabbasso, guimbri); Hamid Drake (batteria, tamburo a cornice); Joshua Abrams (harmonium, guimbri, percussioni); Alex Dézé (erratic piano); Warren Ellis (violino, loops); Marguerite Ladd (campionatori); Rob Mazurek (cornetta, elettronica); Roscoe Mitchell (sax alto); John Moloney (elettronica, percussioni); Gene Moore, Thurston Moore, Joe Morris, Jeff Parker, Bill Nace (chitarra elettrica); David Murray (sax tenore); Evan Parker (sax soprano); Oscar Pierrepont (voce); Matana Roberts (clarinetto); Craig Taborn (tastiere, elettronica).

Album information

Title: Maison Hantée | Year Released: 2009 | Record Label: Rogue Art


< Previous
Rebound

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Eko
Flávio Silva
Escape
Ellie Lee
Pra você, Ilza
Hermeto Pascoal & Grupo

Popular

My Prophet
Oded Tzur
September Night
Tomasz Stanko Quartet
Time Again
Koppel, Blade, Koppel

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.