Home » Articoli » O.I.D. Orchestra In-stabile Dis/accordo: Live at Mikalsa - Vol. 1

Album Review

O.I.D. Orchestra In-stabile Dis/accordo: Live at Mikalsa - Vol. 1

By

Sign in to view read count
O.I.D. Orchestra In-stabile Dis/accordo: Live at Mikalsa - Vol. 1
Questa giovane orchestra palermitana cerca di ripercorrere, almeno da un punto di vista logistico, la storia di alcuni gruppi a dimensione variabile che hanno visto associata la loro attività, anche per ragioni organizzative ed economiche, ad un locale ben preciso di una città ben precisa. Citiamo a questo proposito l'attività della formidabile orchestra guidata da Gil Evans negli anni ottanta allo Sweet Basil di New York, quella del collettivo Club D'Elf tuttora guidato da Mike Rivard al Lizard Lounge di Cambridge, periferia di Boston e quella della orchestra di reduci mingusiani guidati da Sue Mingus, al Fez Cafe di New York (e da qualche tempo allo Jazz Standard di New York).

Rispetto a questi tre illustri precedenti la dislocazione dell'orchestra guidata a turno da Luca Lo Bianco, Francesco Guaiana e Marko Bonarius è quella certamente meno metropolitana ma deliziosamente più mediterranea di Palermo. In particolare quella del Mikalsa Bar, un locale attivo da una decina di anni nella città siciliana, sospesa fra la birra artigianale e la musica spumeggiante.

La loro dimensione per così dire interiore, ovviamente stralunata al punto giusto, si materializza anche davanti ai nostri occhi nel bel video diretto da Marta Tagliavia, inserito in coda ai brani del CD. Tre minuti di divertente e delicata follia sul divano rosso dello psicanalista/musicista siciliano di turno.

Il flauto di Marilena Sangiorgi e la fisarmonica di Domenico Argento sono inafferrabili e leggeri, fortunatamente. In compenso le chitarre sono sempre in 'tiro,' belle distorte e aggressive. I fiati marciano a dovere e come dice il titolo iniziale ci soffiano sul collo. La ritmica è funky al punto giusto, senza dover star sempre lì a dimostrare qualcosa, come se l'arte dei suoni fosse una gara a chi ce l'ha più lungo.

Allo stesso modo la musica di questa orchestra un po' indisciplinata (ma su questo dettaglio lo sguardo dei tre leader pare del tutto condiscendente) si sposta in maniera convincente e appassionata fra climi diversi fra di loro che provano a spiazzare l'ascoltatore, per poi rapirlo fra le righe della musica. I tre leader stessi dichiarano, senza timore di essere smentiti, che la loro filosofia è sintetizzabile nello statement: "non è solo un modo di suonare, è un modo di pensare, un modo di relazionarsi, è movimento". E allora mettiamoci in moto con loro. La destinazione finale, se mai ci sarà, verrà scelta strada facendo.

Track Listing

01. Fiati Sul Collo; 02. Milza Party; 03. It’s A Jungle Sometimes; 04. Il Vitello Prodigo; 05. Treo; 06. Sunrise In Japan; 07. Melodic Signature On Mikalsa Dis/Accordo; 08. Sandro Pizzo; 09. Never Loop (Video).

Personnel

Luca Lo Bianco (basso elettrico ed acustico); Francesco Guaiana (chitarra); Marko Bonarius (basso acustico); Giovanni Calderone (tromba); Calogero Genco (sassofono alto e soprano); Marilena Sangiorgi (flauto); Mauro Schiavone (sax tenore, tastiere), Jo Cazzuola (theremin, flauto, trombofono); Domenico Argento (fisarmonica); Lorenzo Colella (chitarra); Bruno Pitruzzella (chitarra); Massimo D’Aleo (batteria); Davide Enia (improvvisazioni vocali).

Album information

Title: Live at Mikalsa - Vol. 1 | Year Released: 2009

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Calasanitus
Leon Foster Thomas
Playing With Standards
Seppe Gebruers
Heavy Hitters
The Heavy Hitters
Made in Miami
Camilo Valencia/Richard Bravo

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.