DE3 (Duane Eubanks, Eric McPherson, Dezron Douglas): Live at Maxwell's

Stefano Merighi BY

Sign in to view read count
DE3 (Duane Eubanks, Eric McPherson, Dezron Douglas): Live at Maxwell's
Il trio DE3 (Eubanks-Douglas-McPherson) è toccato dalla grazia in questa incisione dal vivo al Maxwell's di New York.

Già la formula di tromba-contrabbasso-batteria è piuttosto rara, vengono in mente al volo Roy Campbell e Kirk Knuffke, ma è la lingua comune fra i tre che si sprigiona già nell'esordio di "Brainfreeze" a catturare senza fatica. Il tema di derivazione hard bop è come raffreddato dall'analisi minuta delle singole frasi, carezzevoli senza essere dolciastre, seduttive con brio. Ed è un po' la cifra espressiva del gruppo questa che, senza il pianoforte, si prende il tempo per soppesare dettagli e fragranze, a volte velate da una malinconia scabra, altre invece innervate da una virilità funky di sicuro effetto.

Il trio è una porzione del quintetto del trombettista Duane Eubanks—fratello dei più noti Kevin e Robin -, già lodato da più parti per Things of That Particular Nature, di due anni fa. Dezron Douglas (contrabbasso) e Eric McPherson (batteria) hanno studiato nel "laboratorio" di Jackie McLean all'interno della Hartford University e condividono dunque metodi, intuizioni, vocabolario, che li rende team ritmico dall'unico respiro.

La tromba di Duane Eubanks ha proprie peculiarità, in particolare la capacità di tenere uniti una introspezione quasi pudica e una intensità ritmica di prim'ordine. Doti forse mutuate da un ascolto attento di Woody Shaw, pur senza esibire il medesimo controllo tecnico. Anche uno strumentista come Ron Miles può venire in mente ascoltando il lirismo trattenuto o la prontezza nel recepire le trame che basso e batteria suggeriscono con un fluire tenue eppure disinvolto.

In questa musica c'è tutto l'amore per la lezione degli anni Cinquanta, proiettato direttamente nel linguaggio contemporaneo, senza indulgere al ricalco e senza averne nostalgia. Solo l'esperienza free è estranea alle esposizioni del trio, che per il resto divagano che è un piacere tra giri di basso funky ("A Slight Taste"), cantabilità melodica unita a vamp ritmici ("Little Johnny C Blues"), oppure commuovono in un adagio "bluesy" come "Saturday Moanin.'" La bravura dei singoli è al servizio del collettivo, ma non si può tacere della maestria di McPherson, che emerge in più occasioni, a partire dagli interventi solistici in "Strokish."

Applausi.

Track Listing

Brainfreeze; A Slight Taste; Little Johnny C Blues; Saturday Moanin'; Strokish; Ebony Slick; Little Rock.

Personnel

Duane Eubanks, tromba; Eric McPherson, batteria; Dezron Douglas, contrabbasso.

Album information

Title: Live at Maxwell's | Year Released: 2017 | Record Label: Sunnyside Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Code of Being
James Brandon Lewis Quartet
Beyond Here
Beth McKenna
Twelve Bass Tunes
Hernâni Faustino
Codebreaker
Matthew Shipp
Monsters' Impromptu
Lee Heerspink
A Song of Hope
Eric Wyatt

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.