Home » Articoli » Sonoria: Le Jardin Sonore

1
Album Review

Sonoria: Le Jardin Sonore

By

Sign in to view read count
Sonoria: Le Jardin Sonore
Sonoria era il quartetto con il quale Alessandro Giachero lavorava negli ultimi due anni della sua vita. Ce ne parlava nell'intervista di qualche tempo fa: una sorta di laboratorio di ricerca messo in piedi assieme ad alcuni dei migliori allievi usciti da Siena Jazz, di cui il pianista curava l'organizzazione didattica, nel quale cercava di mettere a fuoco e concretizzare alcuni degli aspetti della musica che più gli stavano a cuore, quali l'improvvisazione, il suono, le variazioni timbriche e dinamiche. La formazione registrò nel giugno del 2019 nel Teatro S. Andrea di Pisa e un primo album—Live in Pisa—era già uscito nel 2020, prima della scomparsa di Giachero. Adesso ne esce un secondo, che era al tempo già programmato: Le Jardin Sonore.

Lo spirito è ovviamente il medesimo che permeava Live in Pisa: musica per lo più rarefatta, che procede per salti e valorizzando il silenzio, così da dar vita ad atmosfere meditative, con i musicisti che interpretano i loro strumenti tutti e quattro in modo non tradizionale e atipico: il pianista agisce soprattutto in modo puntillistico, con percussioni sulla tastiera che si avvalgono anche della "preparazione" dello strumento e del lavoro diretto sulle corde; il sassofonista soprano Cosimo Fiaschi opera su armonici, sovracuti e distorsioni, distendendosi in note lunghe e quasi mai fraseggiando; similmente, il chitarrista Emanuele Guadagno si produce quasi ovunque in disegni elettronici e suoni isolati, in contrappunto con i compagni, più che in fraseggi tipici del suo strumento; il batterista Nicholas Remondino interviene più come un percussionista, fornendo ritmo alla costruzione collettiva, ma anche operando all'elettronica per conferire apertura scenografica alla musica.

Ne risulta così una sorta di quadro musicale quasi pittorico, all'apparenza statico ma in realtà in continuo, sottile cambiamento, senza che nessuno dei musicisti prenda interamente la scena—sebbene a lungo il soprano la illumini, restando in primo piano—ma in modo da far sì che l'intero organico produca un suo specifico e caratteristico suono. Una costruzione complessa, che cattura potentemente l'attenzione e impone all'ascoltatore di essere seguita passo a passo nel suo divenire.

Rispetto al precedente album, tuttavia, la maggiore frammentazione della musica (i brani sono qui sei, contro i due dell'altro) favorisce una fruizione leggermente diversa e una più precisa caratterizzazione degli episodi: particolarmente ipnotico il brano eponimo, con la ribattuta di un tempo fisso dettato dal piano e Fiaschi che lo contrasta con linee dal venato lirismo; cangiante "Beyond the Borders," prima intenso grazie alla spinta ritmica di piano, chitarra e batteria mentre il soprano avanza per trilli, poi etereo e galleggiante, con la chitarra che finalmente arpeggia sulla lieve pulsazione della batteria, per diventare poi un astratto susseguirsi di lievi suoni che si rispondono; evocativo, con richiami etnici, "Balio e Xanto."

Siamo comunque in un ambito decisamente contemporaneo, quello verso il quale il jazz che non si ripiega su se stesso oggi tende sempre più a dirigersi, ma proprio perché le suggestioni contemporanee vengono esplorate con uno sguardo formatosi anche attraverso il jazz, ne scaturisce una "musica che non c'è," suggestiva e intrigante, alla quale proprio per questo si perdona volentieri qualche leggera ridondanza o ripetitività, che rientra nei caratteri dell'esplorare, attività che inevitabilmente comporta qualche girare in tondo e alcuni ritorni in luoghi già attraversati.

Una musica aliena, della quale comunque si sente il bisogno e che, purtroppo, in questo caso non potrà più essere ripetuta, né ascoltata dal vivo, almeno in questa forma, per la mancanza del mai troppo rimpianto Giachero. Ai suoi giovani compagni e allievi il compito di svilupparne la splendida eredità.

Album della settimana.

Track Listing

Crystal Panorama; Le Jardin Sonore; Here Come the Ants; Beyond the Borders; Balio e Xanto; Breathe in Between.

Personnel

Alessandro Giachero: piano; Cosimo Fiaschi: saxophone, soprano; Emanuele Guadagno: guitar, electric; Nicholas Remondino: drums.

Album information

Title: Le Jardin Sonore | Year Released: 2022 | Record Label: Evil Rabbit Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Freedom
Albare & Co.
Fire Hills
Olie Brice Trio / Octet
Far Horizons
Brian Auger and the Trinity

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.