John Butcher, John Edwards, Mark Sanders: Last Dream at the Morning

BY

Sign in to view read count
John Butcher, John  Edwards, Mark Sanders: Last Dream at the Morning
Radicalismo improvvisativo duro e puro, per questi tre senatori del ramo, appartenenti alla seconda generazione di musicisti inglesi specializzati nella pratica specifica. Il sassofonismo ispido e acuminato, esplicitamente antigrazioso, di John Butcher (espresso su tenore e soprano, guarda caso) s'ispira palpabilmente a Evan Parker, pontefice massimo in materia (con cui fra l'altro John Edwards ha collaborato di frequente), con suoi i due coéqupiers a interagire in totale souplesse (d'intenti, non climatici).

Certo non tutto è memorabile, come spesso accade in questi frangenti, e tuttavia la chiarezza di eloquio e di orientamento estetico-espressivo rendono il lavoro certamente degno di attenzione, in diversi momenti esemplare, per i motivi di cui sopra, fra segmenti aspri e turbinosi e ripiegamenti verso una sorta di minimalismo a sua volta abbastanza tipico del genere.

Descrivere oltre una musica di tal fatta sarebbe fuorviante nonché sostanzialmente pleonastico: l'immagine è in buona sostanza quella appena fotografata, le sequenze degne di nota non mancano, i momenti in cui i tre sembrano avere per contro bisogno di ricaricare le pile neppure. L'iniziale "Lucid" (titoli lapidari, opportunamente) e "Signal" appaiono i momenti di primo acchito più significativi, così come sezioni intermittenti dell'ampio "Sand Dance."

Track Listing

Lucid; Syphon; Sand Dance; Signal; Gridlocks.

Personnel

John Butcher: tenor and soprano saxophones; John Edwards: bass; Mark Sanders: percussions.

Album information

Title: Last Dream at the Morning | Year Released: 2017 | Record Label: Relative Pitch Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Pendulum
Gordon Grdina
Glow
Francois Carrier
Pagan Chant
Ritual Habitual
Erlebnisse
Noam Lemish
Happy Ever After
Fourth Function featuring The Phil Ware Trio
Ancient Africa
Nat Birchall

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.