All About Jazz

Home » Articoli » Book Review

0

Il trombonista innamorato

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Il trombonista innamorato e altre storie di jazz
Aldo Gianolio
278 pagine
Robin, Torino
2019


Non possiamo sapere fino a quando durerà l'emergenza Coronavirus, che per forza di cose inibisce la nostra vita sociale e culturale. Sta di fatto che di questi tempi la lettura dei racconti di Aldo Gianolio agisce come un potente antidepressivo. Già nel 2002 per Mobydick lo scrittore reggiano aveva pubblicato A Duke Ellington non piaceva Hitchcock; ora quei racconti vengono riproposti con l'aggiunta di altri per lo più inediti. Ne risultano 40 storie dedicate ad altrettanti personaggi del mondo del jazz, soprattutto del jazz classico e moderno, fino a toccare gli anni Sessanta.

La narrazione di Gianolio funziona come un grande setaccio che via via filtra i miti, i luoghi comuni, gli entusiasmi, le debolezze, i fanatismi, le tragedie, le illusioni, le razze e la stessa essenza meticcia che hanno nutrito l'esistenza del jazz fin dalle sue origini. Il tutto viene trattato con un approccio prevalentemente ironico, sempre partecipe e critico, ma anche smodato o surreale, malinconico o scanzonato, pietistico o di parte, sornione o indignato... Si concretizza così una galleria di situazioni fra il reale e lo strampalato, un'alternanza di fatti storici veri (noti o per lo più sconosciuti) e di invenzioni, con la capacità di tramare comunque un tessuto socio-culturale verosimile.

I racconti sono per lo più brevi, incentrati su un singolo fatto o su aspetti della vita privata a volte anche marginali. Fra i tanti non si può fare a meno di citare "Tutti alla Massey Hall," il più lungo e articolato. In oltre venti pagine la storia rievoca uno dei più famosi concerti di tutta la storia del jazz: quello alla Massey Hall di Toronto il 15 maggio 1953. Nell'intrecciare i gustosi antefatti, le eccentriche personalità di ognuno dei cinque superlativi componenti del quintetto (Parker, Gillespie, Powell, Mingus, Roach), fino a giungere alla conseguente incisione discografica, la concatenata narrazione dell'evento risulta avvincente come un thriller, ricca di spunti e di riferimenti al contesto storico.

L'esposizione di Gianolio risulta sempre chiara, lineare, comunicativa; spesso indugia con insistenza su lunghi periodi pieni di divagazioni e incisi, di concetti ripetuti in modo da evidenziarli compulsivamente. Scorrendo i testi o le repentine conclusioni di alcuni racconti emergono qua e là valutazioni, estetiche o morali, volutamente tranchant, che vengono enunciate con una sintesi folgorante, senza ammettere repliche. L'impianto formale diviene così iperbolico, passando continuamente dal particolare al generale, dall'esternazione soggettiva e umorale all'affermazione assoluta, dall'appunto tecnico-storico all'idea fantastica. Uno stile incalzante e tonico che sembra riprendere l'andamento dell'improvvisazione jazzistica.

Per questa sfrontatezza sempre sorprendente (insospettata solo per chi non conosceva già i libri dell'autore emiliano), per la contrastata espressività dell'approccio stilistico, oltre che per la ricchezza dei riferimenti (sportivi, gastronomici, culturali, sociali, sessuali, di costume...) che illuminano i contesti dei vari racconti, Il trombonista innamorato si legge tutto d'un fiato.

È ovvio che un'opera di narrativa come questa si rivolge a tutti i lettori, ma è altrettanto evidente che gli appassionati di jazz posseggono tanti strumenti in più per comprenderla nelle sue varie sfaccettature e quindi poterla apprezzare in misura maggiore.

Post a comment

Tags

View events near Bologna
Jazz Near Bologna
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.