Home » Articoli » Live Review » Banshee di Signe Emmeluth a Bologna

Banshee di Signe Emmeluth a Bologna

Banshee di Signe Emmeluth a Bologna

Courtesy Massimo Golfieri

By

Sign in to view read count
Signe Emmeluth: Banshee
Centro di Ricerca Musicale, Teatro San Leonardo
Bologna
6.5.2024

Tre giorni dopo l'apparizione del duo Mitchell-Rabbia, AngelicA 34 ha presentato in prima italiana un progetto recentissimo, che costituisce una delle espressioni più valide della vitalità dell'attuale scena nord-europea: Banshee della trentaduenne danese Signe Emmeluth, formatasi a Trondheim poi stabilitasi a Oslo dove, dopo altre importanti iniziative e collaborazioni, ha formato un agguerrito settetto di sole donne (ma in questa tournée la bassista titolare era sostituita da Magnus Skavhaug Nergaard), producendo nel marzo di quest'anno l'omonimo CD per la Motvind Records.

Il tema ispiratore di Banshee sono le grida e le lamentazioni premonitrici di dolore, distruzione e morte, emesse da creature della mitologia nordica. La stessa Emmeluth però ha inteso estendere questo riferimento alla verifica dell'inesorabile trascorrere del tempo e alla consapevolezza propositiva con cui ognuno di noi riesce ad affrontarlo. "Vivete la vita che avete!—esorta la compositrice-leader—Che cosa vogliamo sperimentare finché viviamo? Che cosa vogliamo lasciarci alle spalle? Siamo continuamente presenti?"

Appunto le parole programmatiche dell'autrice hanno dato corpo alla sollecitudine un po' frenetica, alla veemenza, alla concretezza aspra e anti-leziosa con cui il concerto bolognese si è dipanato, concatenando o contrapponendo vari spunti tematici e strutturali, pronunce e aggregazioni strumentali. Dopo un incipit rituale in cui il collettivo ha scandito energicamente note distanziate da silenzi, è stato tutto un susseguirsi di situazioni per lo più surreali: una melodia esposta dal contralto della leader che sembrava mimare quella di "Lonely Woman," come se fosse però compattata da un tritasassi; una fase di rarefatta decantazione, sfrangiata dagli interventi autonomi ed eccentrici dei singoli strumentisti; una sorta di "coro delle Erinni," intonato a squarciagola sul registro acuto da tutti i componenti del gruppo; una dialettica sovrapposizione fra voce ed elettronica da parte della brava Maja S.K. Ratkje; un intervento alonato e fosco della tubista Heida Karine Johannesdottir Mobeck; un amalgama vibrante dei vari ingredienti distintivi della formazione, sfociato in un esasperato collettivo di natura tellurica ed elettronica, per poi giungere a passaggi più ludici e danzanti; ancora un collettivo magmatico, che ha lanciato in primo piano l'assolo free della trombettista danese Anne Andersson; il contralto di Emmeluth e il pianoforte della lituana Guoste Tamulynaïte congiunti in un duo evocativo, di introspettiva e dolce freschezza; un episodio di alea sospesa e reticente che ha introdotto un'emissione forte e nitida di note all'unisono...

Banshee si qualifica dunque come una suite in cui idee melodiche e dinamiche s'intrecciano in modo deciso o imprevedibile, apparentemente senza perseguire un compatto e fluido andamento narrativo. Tutto ciò deriva da una precisa preordinazione compositiva, che si affida anche allo "spontaneismo" delle iniziative e delle pronunce dei singoli partner. Prevale un atteggiamento comunicativo diretto, di scabra asprezza, di eccentricità, pur inserendo momenti di evidente delicatezza melodico-armonica.

In questo contesto la naturalezza della costruzione musicale, l'intensità delle diverse situazioni e il virtuosismo tecnico dei singoli strumentisti non rappresentano l'elemento più determinante, a differenza di quanto avviene invece in altre proposte analoghe. Penso innanzi tutto al progetto Circus, sestetto a cui la stessa Emmeluth partecipa, attivo dal 2020 sotto la direzione di Paal Nilssen-Love, del quale resta memorabile il concerto tenuto al Torino Jazz Festival 2023. A onor del vero, oggi tante larghe formazioni europee, connotate da un legame comunitario fra i propri membri e attive dal Portogallo ai Paesi del Nord, propongono un analogo modo di concepire la performance e il rapporto composizione-improvvisazione, ognuna con una propria storia, un proprio approccio e una specifica progettualità finalizzata.

< Previous
The Crazy Dog

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Near

More

Jazz article: David Preston Trio At Magy's Farm
Jazz article: Kurt Elling & Danilo Pérez at Jazz, TX

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.