Home » Articoli » Album Review » Stephan Crump - James Carney: Echo Run Pry

Stephan Crump - James Carney: Echo Run Pry

By

View read count
Stephan Crump - James Carney: Echo Run Pry
Tutti e due vengono dalla scena downtown newyorkese, da noi forse il più conosciuto è Stephan Crump ascoltato spesso nel trio di Vijay Iyer. Insieme firmano un album composto da due lunghe improvvisazioni in cui convivono ricerca cameristica e lunghe fughe in libertà. Episodi introspettivi si alternano a improvvisazioni di forte espressionismo sviluppati tuttavia sul filo di un costante rigore formale.

I due musicisti esplorano le infinite possibilità timbriche dei propri strumenti lentemente, pazientemente, sempre alla ricerca dello stimolo reciproco. Pianoforte e contrabbasso si avvinghiano, si lasciano, si riprendono, si allontanano nuovamente, in un continuo alternarsi di tensione e distenione (narrativa).

Il pianoforte è ondivago, può passare da un cromatismo lirico ad un astrattismo sempre controllato, mentre dal contrabbasso prendono forma grumi sonori che poi si stemperano in una materia lirica e malleabile (come nella lunga sequenza con l'archetto del secondo brano, di grande respiro melodico). E c'è da dire che la musica è costantemente infiammata dai sussulti ritmici e dalla partecipazione grintosa del contrabbasso.

Il rischio di cedere alle noia in questi frangenti è dietro l'angolo, ma Crump e Carney, sanno essere diretti, incisivi e per nulla logorroici. Meno di 50 minuti contro gli ormai 70 d'ordinanza di un qualsiasi disco di musica improvvisata è una bella sfida.

Visita i siti di Stephan Crump e James Carney.

Track Listing

1. Rodeo gwen – 23:25; 02. Wood genre – 25.19. Composizioni di Crump/Carney.

Personnel

Stephan Crump (contrabbasso), James Carney (pianoforte).

Album information

Title: Echo Run Pry | Year Released: 2011 | Record Label: Clean Feed Records


Comments

Tags

Concerts


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Pata Kandinsky
Norbert Stein
Water is My Song
Synia Carroll
Tributes
Antonio Farao

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.