Home » Articoli » Lorenzo Feliciati, Michele Rabbia: Antikythera

Album Review

Lorenzo Feliciati, Michele Rabbia: Antikythera

By

Sign in to view read count
Lorenzo Feliciati, Michele Rabbia: Antikythera
Lorenzo Feliciati aggiunge un nuovo tassello alla sua prolifica avventura artistica che in passato l'ha visto in qualità di leader incrociare il proprio basso con nomi importanti della scena avant prog e jazz come Cuong Vu, Nils Petter Molvaer, Colin Edwin, Steve Jansen, Pat Mastellotto, Chad Wackerman, Roy Powell e molti altri.

Alla fine del 2017 aveva dato alle stampe, sempre per i tipi della RareNoise Records, Elevator Man chiamando a raccolta un selezionato numero di musicisti impegnati a ricamare e a impreziosire le sue trame oscure, inquietanti e potenti sempre in bilico tra scrittura e improvvisazione. Con Antikythera, Feliciati ripete la stessa formula delle "guest" anche se questa volta non è solo. A dividere oneri e onori di questo lavoro c'è l'ottimo Michele Rabbia alle percussioni ed elettronica che firma, insieme a Feliciati, tutte le otto composizioni della raccolta.

Gli ospiti sono quasi tutte vecchie conoscenza del compositore e bassista romano: il trombettista Cuong Vu, il sassofonista Andy Sheppard, i pianisti Rita Marcotulli e Alessandro Gwis e il tastierista Roy Powell, già compagno di band nei progetti Naked Truth e Mumpbeak.

L'album, che prende il nome da un antico meccanismo greco usato per predire posizioni astronomiche ed eclissi (per chi volesse approfondire lo può vedere in azione al Museo Archeologico Nazionale di Napoli), è il frutto di diverse sessioni di studio congiunte avvenute nel corso di due anni, mettendo insieme improvvisazioni che, dopo un intenso processo di post-produzione, sovraincisioni e montaggio, sono state integrate in un insieme dal suono organico.

"Irregular Orbit," il brano che introduce la raccolta, è un po' il manifesto dell'intero lavoro con un tema avvolgente, stratificato e misterioso a far da guida e le note cristalline del piano acustico di Alessanro Gwis che cercano di "spezzare" la tensione. Altro brano degno di nota è "Prochronistic" che si apre con l'ostinato al basso di Feliciati prima che la tromba di Cuong Vu entri in scena creando un'atmosfera lirica e dai toni caldi. Con "Apogee," che ha come protagonista Roy Powell impegnato alle tastiere elettriche, si torna in una dimensione ancora più sperimentale e visionaria che riporta alla memoria certe esperienze radicali degli anni Settanta.

A chi segue, da appassionato di "altre musiche," le esplorazioni di Feliciati, che qui si divide tra bassi, chitarra elettrica, tastiere ed elettronica, Antikythera non deluderà di certo, ma piacerà anche a chi ha amato in passato band come Soft Machine, Quiet Sun e Isotope. Da notare un uso dell'elettronica sempre misurato, puntuale, quasi armonioso, e mai invadente.

Track Listing

Irregular Orbit; 223 Teeth; Corrosion; Prochronistic; Sidereal; Perigee; Apogee; Parapegma.

Personnel

Lorenzo Feliciati: electric fretted and fretless bass, keyboards, samples, soundesign, electric guitar; Michele Rabbia: drums, electronics; Cuong Vu: trumpet; Andy Sheppard: saxophone; Rita Marcotulli: piano, prepared piano; Alessandro Gwis: piano, Reaktor generated electronics; Roy Powell: Hammond, Moog, Keyboards.

Album information

Title: Antikythera | Year Released: 2019 | Record Label: RareNoiseRecords


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Freedom
Albare & Co.
Fire Hills
Olie Brice Trio / Octet
Far Horizons
Brian Auger and the Trinity

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.