Home » Articoli » Evgeny Sivtsov: Zoo

Album Review

Evgeny Sivtsov: Zoo

By

Sign in to view read count
Evgeny Sivtsov: Zoo
Ci sono reminiscenze di molto pianismo jazz, quello dell'albero maestro, ma anche qualche inflessione classicheggiante (moderata, invero), probabile frutto delle sue origini, nell'approccio che il giovane pianista russo Evgeny Sivtsov evidenzia in questo suo lavoro, inciso nel novembre 2017 ai Tedesco Studios, New Jersey, ma missato e masterizzato in quel di Mosca.

C'è molta padronanza lessicale, come si diceva, brillantezza (senza esagerare) e totale regolarità di approccio, ma proprio questa eccessiva regolarità, questo inappuntabile rispetto delle regole (regole che altri hanno dettato), finisce per essere—abbastanza ovviamente, persino—il principale limite di un album che pure si ascolta con piacere. Un album che non pone problemi di sorta, se non quello, magari, di domandarsi come ci si deve porre di fronte a un disco con dentro sei composizioni definite "originali," nel senso che la penna è univocamente quella di Svitsov, ma che di originale hanno veramente poco.

Un bel po' di rivoluzioni (o semplicemente di innovazioni) fa avremmo scritto cose certo diverse, e diversa sarebbe stata anche la valutazione del lavoro, ma il tempo passa per tutti e il pur ottimo Svitsov (partners compresi) non può esimersi dal prenderne atto. Pur nella sua (loro) totale libertà di suonare ovviamente la musica che preferisce. E noi, poi, di valutarla di conseguenza.

Track Listing

Zoo; Happy Hippo; Post-Wild; New Anthill; Dragonflysis; The Death Of The Last Dinosaur.

Personnel

Evgeny Sivtsov: piano; Dan Chmielinski: bass; Shawn Baltazor: drums.

Additional Instrumentation

Evgeny Sivtsov: piano; Dan Chmielinski: bass; Shawn Baltazor: drums.

Album information

Title: Zoo | Year Released: 2019 | Record Label: Rainy Days Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter Since 1995, shortly after the dawn of the internet, All About Jazz has been a champion of jazz, supporting it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.