Home » Articoli » Vanessa Tagliabue Yorke: We Like It Hot

Album Review

Vanessa Tagliabue Yorke: We Like It Hot

By

Sign in to view read count
Vanessa Tagliabue Yorke: We Like It Hot
Nuovo album da leader per Vanessa Tagliabue Yorke, una delle più interessanti voci nostrane, che -dopo l'originalissimo Contradanza -torna a frequentare un repertorio a lei carissimo, ovvero quello delle origini del jazz, che aveva esplorato nel suo primo CD, Racine Connection. Amante dei progetti ben delineati e al tempo stesso poeticamente enigmatici, l'artista segue in questa occasione le tracce di Annette Hanshaw, mitica cantante degli anni venti-trenta, beniamina del pubblico americano per un decennio a dispetto del suo carattere timido e schivo, che la portò a un precoce e improvviso ritiro dalle scene nel 1935.

A questa affascinante figura -The personality girl, come veniva denominata all'epoca -la Tagliabue Yorke dedica We Like It Hot, riprendendone parte del repertorio, composto da deliziose canzoni dell'epoca. E se la Hanshaw era solita suonare con musicisti di straordinaria levatura come Benny Goodman e Joe Venuti, Eddie Lang e Frank Signorelli, anche la cantante italiana sceglie per questo lavoro -registrato dal vivo all'Acier Hotel di Levico Terme il 26 dicembre del 2014 -tre fuoriclasse: Paolo Birro al pianoforte, Francesco Bearzatti al clarinetto e Mauro Ottolini al trombone.

I risultati sono scintillanti e, nella loro classicità, anche originalissimi. Perché, anche se sostanzialmente filologica, la rilettura dei brani ne scarnifica la struttura e rende particolarmente incisive le interpretazioni: quella di Birro, costante alter ego della voce, raffinato ma mai invadente anche se spesso essenziale per la sottolineatura dei temi; quella di Bearzatti, che qui usa esclusivamente il clarinetto mostrando -se ce ne fosse stato bisogno -la sua incredibile duttilità; quella di Ottolini, misurato negli interventi; su tutte quante, ovviamente, quella della Tagliabue Yorke, nitidissima nella voce e semplice ma immediatamente espressiva nelle interpretazioni.

Dall'iniziale, dolcissima "Moon Song" fino alla arci-nota "Body and Soul," riletta in modo semplice e toccante, è un susseguirsi di belle melodie, una fila di dodici perle tra le quali, a parere di chi scrive, spiccano la deliziosa "Little White Lies," ove brilla il clarinetto di Bearzatti, e "Lover Come Back to Me," nella quale gli si affianca il trombone, con i due che si intrecciano nell'accompagnare la voce.

Ma tutto il disco è splendido: leggero e affascinante, limpido e accogliente, gustosissimo. Un'esplorazione del jazz delle origini talmente sentita e ben fatta -la sua perfezione formale colpisce ancor più se si considera che è stato registrato dal vivo -che riconcilierà con il genere anche chi, come il sottoscritto, non ne vada pazzo.

Track Listing

Moon Song; Am I Blue; Little White Lies; Don't Take That Black Bottom Away; If You Want the Rainbow; Lover Come Back to Me; We Just Couldn't Say Goodbye; Black Bottom; You're the Cream in My Coffee; Ain't He Sweet; Body and Soul; Get Out and Get Under the Moon.

Personnel

Vanessa Tagliabue Yorke: voce; Paolo Birro: pianoforte; Francesco Bearzatti: clarinetto; Mauro Ottolini: trombone.

Album information

Title: We Like It Hot | Year Released: 2017 | Record Label: Artesuono

Post a comment


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Genesis
Black Gold Orchestra
The Verb Not The Noun
James Sherlock
Anchor Points
Russell Kranes/Alex Levine/Sam Weber/Jay Sawyer

Popular

On the record

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.