Home » Articoli » Album Review » Ferenc Nemeth: Triumph

Ferenc Nemeth: Triumph

By

Sign in to view read count
Ferenc Nemeth: Triumph
Anche se è attivo da oltre un decennio ai massimi livelli, il leader di questo splendido quartetto - il batterista ungherese Ferenc Nemeth - è ancora poco noto in Italia e necessita di una breve presentazione.

Nato in Ungheria, dopo aver frequentato il conservatorio di Györ e la Franz Listz Academy of Music, s'è trasferito negli Stati Uniti con una borsa di studio per frequentare i corsi alla Berklee ed è poi passato al New England Conservatory e al Thelonious Monk Institute of Jazz.

Dal 2003, anno in cui s'è trasferito a New York, Nemeth ha incrementato la sua attività professionale collaborando con un gran numero di formazioni e consolidando la partnership col chitarrista Lionel Loueke e il bassista Massimo Biolcati nel trio GilFeMa. Tra le sue produzioni più recenti ricordiamo Night Songs (debutto da leader con una formazione comprendente Mark Turner, Chris Cheek, John Patitucci, Loueke e altri), la partecipazione a Blood and Thunder di Aaron Irwin, a Free Forever di Omer Avital e al disco Mwaliko di Lionel Loueke.

Questo suo secondo album è una gemma di grazia e ricercatezza. Non è solo merito di partner straordinari come Joshua Redman, Kenny Werner e Lionel Loueke ma della empatica tensione stabilitasi tra loro, che disegna un avvincente e coerente affresco musicale. Anche se il sax tenore e soprano di Redman ha maggiore evidenza, la musica si snoda in un dialogo continuamente interattivo, con assoli sempre misurati che non alterano i delicati profili melodici.

Il percorso musicale risulta quindi arioso e si snoda come una suite, con un'introduzione e brevi interludi che fungono da presentazione e raccordo per temi generalmente più ampi e articolati.

"Interlude I" è caratterizzato dalla chitarra, insolitamente cameristica, di Loueke; "Interlude II" è un serrato confronto improvvisato tra Nemeth e Redman; "Interlude III" è interamente sviluppato dalla batteria; "Interlude IV" è un ricercato intervento pianistico di Kenny Werner.

Le altre composizioni, generalmente più lunghe, sono caratterizzate da svolgimenti analogamente sorprendenti, pur condividendo la stessa estetica: ad esempio il tessuto ritmico frastagliato e ricco di scomposizioni di "Triumph" si confronta con l'esposizione distesa e di largo respiro di "Sorrow and Wishful Thinking," impreziosito da un intenso intervento di Redman al soprano. Oppure col magistrale svolgimento di "Longing," tema dai tratti nostalgici rammenta le composizioni di Paul Motian.

Track Listing

01. Intro - 1:19; 02. Triumph - 6:32; 03. Interlude I - 2:41; 04. Purpose - 5:53; 05. Interlude II - 3:21; 06. Joy - 6:59; 07. Interlude III - 2:58; 08. Longing - 5:54; 09. Hope - 2:25; 10. Interlude IV - 3:10; 11. Sorrow and Wishful Thinking - 9:37; 12. Hope II - 2:41. Composizioni e arrangiamenti di Ferenc Nemeth.

Personnel

Joshua Redman (sax tenore e soprano); Kenny Werner (pianoforte); Lionel Loueke (chitarra, voce); Ferenc Nemeth (batteria, percussioni); con: Richard Nant (tromba, flicorno); Juampi di Leone (flauto); Carlos Michelini (clarinetto); Martin Pantyrer (clarinetto basso, sax baritono); Maria Noel Luzardo (fagotto); Barbara Togander (voce).

Album information

Title: Triumph | Year Released: 2012 | Record Label: Dreamers Collective Records


Next >
Fours

Comments

Tags

Concerts


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Solidarity
Zach Rich
Catharsis
Michiel Stekelenburg
A Canadian Songbook
Ernesto Cervini

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.