Home » Articoli » Louie Bellson: The Sacred Music Of Louie Bellson and The Jazz Ball...

1
Album Review

Louie Bellson: The Sacred Music Of Louie Bellson and The Jazz Ballet

By

Sign in to view read count
Louie Bellson: The Sacred Music Of Louie Bellson and The Jazz Ballet
Si possono utilizzare le forme orchestrali del jazz anni trenta (quelle ballabili della Swing Era) per costruire un'opera di musica sacra? Dipende come. Lo storico batterista Louie Bellson (già con le big-band di Tommy Dorsey, Harry James ed infine protagonista con Duke Ellington) ha composto nel 2000 queste due opere: l'ambiziosa suite "The Sacred Music of Louie Bellson" e la più breve "The Jazz Ballet" che sono state edite recentemente, dopo alcune esecuzioni pubbliche.

Bellson non è stato solo un grandioso batterista ma nell'orchestra di Duke Ellington ebbe l'occasione d'evidenziare le sue doti di compositore e arrangiatore (ricordiamo "Skin Deep", "The Hawk Talks") e nel 1965 partecipò all'esecuzione dell'ellingtoniano "Sacred Concert", nella Grace Cathedral di San Francisco. Negli anni successivi effettuò studi di composizione che l'hanno portato a scrivere la musica di un balletto, una "Composition for Piano and Orchestra", un'opera sinfonica, "Symphony In Americana", ed altre cose ancora.

"Duke fu come un secondo padre per me - ha ricordato Bellson - e dal momento in cui ho partecipato al suo "Sacred Concert" sono stato ispirato da lui a scrivere la mia composizione sacra".

Per quanto riguarda questo lavoro non è il caso di azzardare paragoni con le opere di Duke. "The Sacred Music of Louie Bellson" vuol comunicare un clima di austera rispettabilità e apparire un prodotto di alta statura artistica ma il suo approdo è inevitabilmente il kitsch. Alterna brani con un coro di sontuosa impostazione accademica ad altri ballabili, creando una commistione di generi che risulta in vari momenti pesante, se non irritante.

Dispiace dirlo ma siamo nel filone iniziato da Paul Whiteman, che s'inebria delle sue celebrazioni para-sinfoniche con l'ambizione di offrire un prodotto elevato agli ascoltatori. Migliore, in quanto più uniforme e meno pretenzioso, è "The Jazz Ballet" dove troviamo piacevoli momenti jazzistici, grazie soprattutto alla tromba di Bobby Shew.

Track Listing

"The Sacred Music Of Louie Bellson": 01. Lightning & Thunder; 02. No One But God; 03. He's the Lord; 04. Jesus; 05. Love; 06. Love (Instrumental); 07. Thank You Lord; 08. He's the One; 09. New Lou; 10. The Wailing Dove; 11. Look At Me; 12. Celebration; 13. Celebration (Drums & Strings); 14. No One But God (Reprise). "The Jazz Ballet": 15. Marriage Vows; 16. Dream Sequence; 17. Conflict; 18. 'Til Death Do Us Part. Composizioni di Louie Bellson.

Personnel

Louie Bellson (batteria, compositore, orchestratore); Bobby Shew (tromba,flicorno); John Thomas (tromba, conduzione); Harold Garrett (trombone); Ann Patterson (sax contralto, flauto); Albert Alva (sax contralto); Glenn Carlos (dirttore del coro); Buddy Baker (composizioni, orchestrazioni); Jack Hayes (composizioni, orchestrazioni); Orchestra composta dagli studenti dell'University Of Souther California; Thorton School Of Music Studio Jazz band; Symphony String Orchestra e Coro.

Album information

Title: The Sacred Music Of Louie Bellson and The Jazz Ballet | Year Released: 2007 | Record Label: LML Music

Post a comment about this album

Tags

More

Shifting Sands
Avishai Cohen
Artifact
Kate Wyatt
Day by Day
Dan Olivo

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.