Home » Articoli » Album Review » Vassilis Tsabropoulos: The Promise

1

Vassilis Tsabropoulos: The Promise

Vassilis Tsabropoulos: The Promise
Chissà se Vassilis Tsabropoulos ha paura del vuoto. La risposta potrebbe essere negativa, dal momento che The Promise, il disco in piano solo registrato al Megaron Concert Hall di Atene con la produzione di Manfred Eicher, lascia emergere molte situazioni dai suoni diradati, distanti, piene di spazi lasciati liberi, sospesi.

Undici tracce che, senza indugio, scavano un passaggio profondo nei sotterranei delle emozioni, grazie alla capacità del pianista ateniese di unire melodie fluttuanti e sinuose a un classicismo lucente, mai di facciata e intento ad avvolgere il tutto di garbata nobiltà.

I vuoti dicevamo. Sono quelli che Vassilis usa per dare risalto alle note, per ottenere atmosfere sospese, e che gli consentono di cambiare direzione in maniera morbida, quasi sfuggente. Si resta incantati di fronte alla bellezza disarmante dell'iniziale "The Other," con i suoi chiaroscuri appena accennati, e delle sue variazioni, la prima più incisiva, netta, e la seconda che chiude l'album in un rasserenante tepore. In mezzo le composizioni di Tsabropoulos, tranne la rilettura del tradizionale greco "Djivaeri," intrise di romanticismo struggente ("Tale of a Man"), e capaci di lasciare un segno che non si dimentica, come in "Smoke and Mirrors".

The Promise è un disco vellutato, di quelli che vorresti non finissero mai e, in alcuni tratti, d'imprendibile bellezza. È un lavoro rivolto a chi non ha fretta di risolvere l'ascolto in poche battute, lo stretto necessario, perché sembra come che le note di Vassilis continuino a tenersi per mano all'infinito, comode e distese nei loro ampi spazi a disposizione.

Personnel

Album information

Title: The Promise | Year Released: 2009 | Record Label: Eau De Musique


Next >
Off the Cuff

Comments

Tags


Support All About Jazz

Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

How You Can Help

To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Choro Choro Choro
Huw Warren
Aloft
Natsuki Tamura, Satoko Fujii
Maca Conu
Jonas Cambien's Maca Conu
MoonDial
Pat Metheny

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.