Home » Articoli » Francesco Cataldo: Spaces

Album Review

Francesco Cataldo: Spaces

By

Sign in to view read count
Francesco Cataldo: Spaces
Si compone di soli originali la scaletta di Spaces, l'album firmato da Francesco Cataldo, che nel settembre 2012 ha avuto modo di registrare negli studi Sear Sound di New York con a fianco musicisti del calibro di David Binney, Scott Colley e Clarence Penn.

Per ottenere lo spazio espressivo che il titolo richiama, e che lo stesso Cataldo sottolinea nelle note di copertina, è stato fondamentale l'apporto di Salvatore Bonafede al piano, il quale si mette in evidenza sia come valida alternativa melodica alla chitarra del leader, sia come ingranaggio di una ritmica capace di creare le giuste intelaiature formali. I primi piani sono spesso a favore di Binney, soprattutto quando le andature si fanno lente e riflessive, come nella title track, o nei momenti in cui la band si esprime attraverso l'alternanza di atmosfere, come in "Why".

Nel complesso c'è da sottolineare la compattezza del lavoro d'insieme, e la forza melodica contenuta in ogni singola traccia, anche quando Cataldo preferisce l'intimità della chitarra acustica al suono asciutto dell'elettrica o nella traccia "Vito," dove interviene il violoncello di Erik Friedlander.

Personnel

Francesco Cataldo: guitar.

Album information

Title: Spaces | Year Released: 2013 | Record Label: Casa Del Jazz

Post a comment about this album

Tags

More

Day by Day
Dan Olivo
Never More Here
Larry Bluth Trio
Here And There
Kibrom Birhane

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.