Home » Articoli » Album Review » Meredith d'Ambrosio: Sometime Ago

2

Meredith d'Ambrosio: Sometime Ago

By

Sign in to view read count
Meredith d'Ambrosio: Sometime Ago
Dopo dieci anni di silenzio discografico è un gran piacere ascoltare un nuovo album della cantante di Boston, il diciassettesimo per la Sunnyside, con cui pubblica dalla metà degli anni ottanta, qualche anno dopo il suo debutto.

Più che cantante Meredith preferisce definirsi "song stylist" e tale resta all'età di 81 anni, senza perdere un grammo di classe interpretativa e pregevole essenzialità. Con l'età il timbro s'è irrobustito, conferendo nuove ombreggiature al suo eloquio ma intonazione e profondità espressiva restano intatte. Troppo sofisticata e personale per un vasto pubblico, Meredith d'Ambrosio è una delle grandi vocalist bianche, sul filone di Blossom Dearie, Irene Kral ed Helen Merrill.

Quest'incisione risale all'ottobre 2019 ed è stata effettuata nei mitici Van Gelder Studios di Englewood Cliffs. Come in ogni disco passato l'editing è particolarmente curato, con la riproduzione di un suo quadro in copertina. Come in passato ritroviamo la sua colta ricerca di song dimenticati accanto a qualche standard. Come in passato l'ascolto è rivolto ai palati raffinati, capaci di cogliere la bellezza delle sue interpretazioni, sobriamente colloquiali e dolcemente melodiche.

Difficile scegliere tra i vari brani, che si snodano in bell'equilibrio con l'apporto strumentale in un percorso comunque sottilmente variopinto: accanto a intime ballad ("May I Come In," "Oh Well, What the Hell," la splendida "Sometime Ago"), troviamo temi dai leggeri risvolti latini ("Moonlight," "If I Should Lose You"), momenti briosi ("I Wished on the Moon," "I Remember You") e altri colloquiali (la crepuscolare "My Open Heart").

L'accompagnamento dei partner è tanto discreto quanto prezioso, e sia il pianista Randy Halberstadt (autore di tre brani), il bassista Steve Johns che il trombettista/flicornista Don Sickler intervengono con intensi assoli.

Album della settimana.

Track Listing

When Springtime Turns to Fall; Feast Your Eyes; In the Moonlight; Sometime Ago; May I Come In; I Wished on the Moon; My Open Heart; I Remember You; Oh Well, What The Hell; If I Should Lose You.

Personnel

Album information

Title: Sometime Ago | Year Released: 2021 | Record Label: Sunnyside Records

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Being
Chris Rottmayer
Town of Two Faces
The Choir Invisible with Charlotte Greve, Vinnie...
They Tried to Kill Me Yesterday
Paul R. Harding / Michael Bisio / Juma Sultan
Eagle's Point
Chris Potter

Popular

Jazz Hands
Bob James
Esengo
London Afrobeat Collective
Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.