Home » Articoli » Album Review » Felice Clemente: Solo

Felice Clemente: Solo

By

Sign in to view read count
Felice Clemente: Solo
Felice Clemente affronta il lavoro in solitudine, prova impegnativa per qualunque strumentista, ma certo particolarmente ardua per chi si misura con le ance. Lo fa alternando due sassofoni, il tenore e il soprano, e il clarinetto, registrando in un ambiente suggestivo e dalle sonorità particolari qual è una chiesa—quella di Montecalvo Versiggia, nel pavese—e affrontando un repertorio estremamente vario.

Il programma prevede infatti tredici brani, in prevalenza propri, tre, o di musicisti cui Clemente è legato da collaborazioni (Fabio Nuzzolese e Daniele Di Gregorio ne firmano due a testa, Javier Perez Forte uno), ma che poi spazia dagli standard (l'iniziale "Harlem Nocturne") a Johann Sebastian Bach (la Sarabande dalla quinta suite per violoncello), fino ad Andrea e Ennio Morricone (l'ormai classico "Nuovo Cinema Paradiso"), dagli omaggi a grandi interpreti del jazz contemporaneo (Branford Marsalis e Michel Godard) all'improvvisazione.

Clemente si avvale dell'avvolgente suono della chiesa, tangibile soprattutto nelle esecuzioni al tenore, per esprimersi in modo assai personale in tutti i ben diversi contesti, ora improvvisando sul materiale tematico, ora antemponendovi delle introduzioni (come nel caso del brano bachiano), ora operando su suono, tempi e accenti al fine di offrire interpretazioni originali (è per esempio il caso del brano di Morricone).

La varietà, oltre che vertere su autori e periodo, riguarda anche le atmosfere: da quelle fumose ed enigmatiche di "Harlem Nocturne" al luminoso impeto ritmico dei due brani di Nuzzolese, "A Secret Place" e "Rapsodia temperante," entrambi eseguiti al soprano; dalla complessità contemporanea di "La Nani," di Perez Forte, a quella barocca di Bach; dal blues di Marsalis alla sognante narrazione di "Princess Linde," di Godard. Una varietà che, oltre a essere per Clemente una sfida nella sfida e a fungere da vetrina per le sue qualità di strumentista, valorizza il lavoro impedendo che l'ascolto stanchi -rischio sempre in agguato per i lavori in solitudine.

Ottimo lavoro, la cui fruibilità va aldilà di quella media da quelli per sola ancia.

Album della settimana.

Track Listing

Harlem Nocturne; A Secret Place; Princess Linde; Bà-Bà; Blues For One; Nuovo cinema paradiso; La Nani; Rrapsodia temperante; Sarabande from Cello’s Suite n. 5; Song for Clarinet; Moods; Notturno n. 2; Free Improvisation.

Personnel

Felice Clemente
saxophone
Additional Instrumentation

Felice Clemente: sax soprano e tenore, clarinetto.

Album information

Title: Solo | Year Released: 2020 | Record Label: Crocevia Di Suoni


< Previous
Delhi to Damascus

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

DDG19 Big Band
Dani Gurgel
Legacy
Nick Finzer
Speak Moment
Dave Harrington - Max Jaffe - Patrick Shiroishi
Moab
Garza / Fawcett / Wojtowicz

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.