All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Alexander Von Schlippenbach: Schlippenbach Plays Monk

BY

Sign in to view read count
Alexander Von Schlippenbach: Schlippenbach Plays Monk
Certo non è la prima volta, su disco come dal vivo, che il pianista tedesco ha interpretato brani monkiani; anzi è nutrita la sua produzione in tal senso, mettendo in esplicita evidenza il suo amore per il maestro americano e la sua filiazione da esso. Da ricordare in particolare il triplo CD Monk's Casino. The Complete Works of Thelonious Monk, edito nel 2005 sempre dalla Intakt Records, ed ancor prima il forse dimenticato CD Enja del 1996 Schlippenbach Plays Monk.

Venendo a questa impresa per piano solo, incisa a Berlino nel novembre 2011, vi è in essa più Monk o più Schlippenbach? Direi entrambe in parti uguali. Di Monk ovviamente persiste la bellezza unica e imperiale dei suoi temi, che non ci si stancherà mai di riascoltare in mille interpretazioni diverse, mentre Schlippenbach conferma il suo pianismo austero, asciutto e concentrato, che qui risulta forse più lineare e pacificato, meno arrovellato e scontroso che in altre occasioni.

Alternando i brani monkiani a propri interludi assai brevi, aforistici (quasi tutti sotto il minuto), l'autore costruisce un percorso zigzagante fra solide e complesse interpretazioni e momenti di sospeso candore, di fugaci impressioni. Le sue interpretazioni monkiane sono tutto sommato rispettose, prevalentemente percussive, a volte un po' frammentarie e con qualche eccentricità armonica, ma a tratti, anche nei propri interludi, emerge un tratto di inaspettata delicatezza.

Un disco notevole, concepito con rigore e motivazione, in grado di aggiungere qualche piccolo tassello sia alla sterminata casistica delle interpretazioni monkiane sia al mondo espressivo e alla discografia del pianista. In definitiva, è appunto questo l'aspetto da rimarcare: lo sperimentatore tedesco sembra voler dare al suo sguardo un certo distacco, una decantazione emotiva, che lo portano ad accantonare definitivamente le esasperazioni free e a ricercare un rifugio nella più originale e consistente "classicità" jazzistica impersonata da Monk.

Track Listing

1. Reverence; 2. Work (T. Monk); 3. Interlude I; 4. Locomotive (T. Monk); 5. Introspection I (T. Monk); 6. Introspection II (T. Monk); 7. Coming on the Hudson (T. Monk); 8. Interlude 2; 9. Epistrophy (T. Monk); 10. Interlude 3; 11. Reflections (T. Monk); 12. Interlude 4; 13. Interlude 5; 14. Brilliant Corners (T. Monk); 15. Interlude 6; 16. Interlude 7; 17. Pannonica (T. Monk); 18. Interlude 8; 19. Played Twice (T. Monk); 20. Epilogue. Composizioni di Schlippenbach dove non indicato.

Personnel

Alexander Von Schlippenbach (piano).

Album information

Title: Schlippenbach Plays Monk | Year Released: 2013 | Record Label: Intakt Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Late Night
Sean Fyfe Quartet
Soul In Plain Sight
Angelika Niescier
Jump
Julieta Eugenio
Two For The Road
Tara Minton & Ed Babar
The Color of Angels
Doug Scarborough
Inimitable
Michael Bisio
The 7th Hand
Immanuel Wilkins

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.