Scotty Barnhart: Say It Plain

AAJ Italy Staff BY

Sign in to view read count
Scotty Barnhart: Say It Plain
C'è chi fa di tutto per pubblicare un CD molti anni prima di poter dire qualcosa di personale e c'è chi presenta il suo primo disco da leader dopo decenni di eccellente carriera ai vertici del jazz. Il secondo, lodevole, caso riguarda Scotty Barnhart che pubblica Say It Plain con alle spalle diciotto anni da tromba solista nella Count Basie Orchestra e collaborazioni con Tony Bennett, Ray Charles, Wynton Marsalis, Marcus Roberts, Diana Krall e molti altri. La sua competenza si estende anche al campo della divulgazione in quanto è autore del libro The World of Jazz Trumpet e docente alla Florida State University.

La sua concezione musicale è in linea con quella di una generazione di jazisti afroamericani emersi negli anni Ottanta, fedeli ai valori dello swing e del blues, interpreti attenti del repertorio e delle innovazioni elaborate in ambito post bop e modale.

Come trombettista ha un timbro di notevole bellezza, cangiante nei colori a seconda del contesto e delle esigenze espressive. Padroneggia stili e tecniche con grande naturalezza e un feeling elegante e vitale. Tende a non sprecare note anche nei passaggi più fluidi, sa far parlare la tromba con la sordina plunger come pochi al giorno d'oggi e ha la capacità di far cantare una melodia senza stravolgerla.

Say It Plain lo vede alla testa di organici mutevoli, che vanno dagli ottimi musicisti del suo quartetto stabile a personaggi come i citati Marcus Roberts, Ellis e Wynton Marsalis. Quest'ultimo è presente in "Con Alma," dove i due trombettisti illuminano con emozione il capolavoro di Gillespie.

Il repertorio è estremamente vario e include quasi troppe idee, nel senso che Barnhart offre spunti ciascuno dei quali avrebbe meritato un disco separato. Il risultato è paragonabile a un'antologia che sintetizza i vari aspetti di una precedente produzione, ma questo è un esordio e la troppa varietà costituisce un limite minore, perché le tante strategie offerte restano come promesse in attesa di completamento.

Prendiamo "Giant Steps" affrontata a un rilassato tempo di marcia New Orleans, le intense composizioni originali di matrice post modale come "The Burning Sands" o "Haley's Passage," il delicato duetto con Ellis Marsalis in "Dedicated to You," lo swing e l'ironico uso della plunger in "Say It Plain" e "Pay Me Money": da questi brani poteva nascere un disco di capolavori anni Sessanta riletti secondo i canoni del jazz classico, uno di jazz contemporaneo secondo la visione di Barnhart, uno di standard ("Put on a Happy Face" o "Young at Heart") e un altro di blues nello stile di Cootie Williams e Clark Terry.

Detto questo ci rendiamo conto che i tempi non sono certo facili, soprattutto per un artista afroamericano ben conscio del suo passato, desideroso di sviluppare il linguaggio senza svendite o furberie discografiche, quindi restiamo più che soddisfatti per la molta bella musica che Scotty Barnhart ci offre con questo esordio maturo, in attesa di lavori che approfondiscano le sue molte doti di solista e compositore.

Track Listing

01. Giant Steps (John Coltrane) – 5:48; 02. Say It Plain (Scotty Barnhart) – 6:04; 03. The Burning Sands (SB) – 7:21; 04. Haley's Passage (SB) – 5:15; 05. Dedicated To You (SB) – 2:23; 06. Put on a Happy Face (Adams, Strouse) – 7:29; 07. Con Alma (John Birks Gillespie) – 8:58; 08. Jana (SB) – 5:26; 09. Young at Heart (Richards, Leigh) – 5:25; 10. I've Never Been in Love Before (Loesser) – 6:03; 11. I'm Glad There Is You (Dorsey, Mertz) – 7:14; 12. Pay Me Money (SB, Clark Terry) – 3:30.

Personnel

Scotty Barnhart (tromba; flumpet); Wynton Marsalis; Clark Terry (tromba); Todd Williams (sax soprano e tenore); Ellis Marsalis; Marcus Roberts; Lindsey Sarjeant; Bill Peterson; Bruce Barth (pianoforte); Rodney Jordan; Greg Williams (contrabbasso); Leon Anderson Jr; (batteria); Herlin Riley; Etienne Charles; Marion Felder (percussioni); Rick Lollar (chitarra); Jamie Davis (voce).

Album information

Title: Say It Plain | Year Released: 2010

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Inventions
Phil Parisot
Mabern Plays Coltrane
Harold Mabern
The Chicago Symphonies
Wadada Leo Smith's Great Lakes Quartet
Tributaries
Jack Cooper & Jeff Tobias
Boomslang
Halley-Clucas-Reed-Halley
Mountain Melody
Mulo Francel

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.